Il sacrificabile (per non meno di 50 mln)

28.05.2020 16:58 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Il sacrificabile (per non meno di 50 mln)

(di Arturo Minervini) - Comprare, ma non solo. Perché l’equilibrio finanziario è uno dei dogmi alla base del credo Aureliano, perché dopo aver investito più di 100 milioni a gennaio il Napoli dovrà fare i conti anche con qualche addio in un mercato scombussolato dai postumi di un blocco forzato. Koulibaly resta il pezzo più pregiato, ma bisognerà capire che tipo di offerte stuzzicheranno il portafoglio di De Laurentiis, che ancora ha vivo il ricordo dei 108 milioni offerti (e rifiutati) dallo United la scorsa estate. In attesa di capire se certe cifre saranno nuovamente percorribili, in casa Napoli c’è un altro elemento che sembra essere il prescelto per una possibile cessione.

Era gennaio. Ormai lontano, freddo, fitto di dubbi di un 2019 che aveva quasi scritto la parola fine alla storia tra il Napoli ed Allan. Con le valigie già pronte, l’armadietto già svuotato, una festa di saluto consumata con i compagni e nella testa una nuova vita con accento parigino. Trattativa tutta in discesa, al punto quasi da scambiarsi i documenti ed una cifra mostruosa nelle casse partenopee. Poi, qualcosa va storto. Accordi sulla cifra complessiva, bonus vari, modalità di pagamento che non convincevano totalmente De Laurentiis e l’affare salta. 

Ci sono crepe che non si rimarginano. Un piatto rotto che non torna più com’era prima, vive su un equilibrio di stabilità minacciato da ogni nuovo colpo subito e rischia di frantumarsi. Su questa sensazione precaria si regge da mesi la relazione tra il brasiliano ed il Napoli, al punto da rendere prossimi i titoli di coda. 

Reparto affollato. A gennaio sono arrivati Demme e Lobotka, Gattuso ha blindato Zielinski e Fabiàn, c’è un Elmas in grande crescita: tutto delinea lo scenario di un addio posticipato da quell’estate del 2019, ma nessuno pensi di fare l’avvoltoio perché il club azzurro non ha nessuna intenzione di farsi prendere per la gola. Di estimatori in giro per l’Europa Allan continua ad averli, ma il prezzo d’asta non è accessibile per tutti: si parte da 50 milioni, o giù di lì. Sotto queste cifre De Laurentiis difficilmente verrà incontro a quello che è ormai da tempo un desiderio del centrocampista: cambiare aria.