Dalla squadra dei nani a quella dei giganti: avviso alle medio-piccole, ora è inutile piazzare il pullman

23.09.2019 08:20 di Antonio Gaito Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Dalla squadra dei nani a quella dei giganti: avviso alle medio-piccole, ora è inutile piazzare il pullman

Dai campioni d'Europa al Lecce senza cali di tensione. Il Napoli supera a pieni voto l'esame di maturità del Via del Mare battendo 4-1 la squadra di Liverani, senza mai snobbarla e trovando ulteriori certezze grazie alle scelte di Carlo Ancelotti. Il tecnico del Napoli si presenta alla sfida con 8 giocatori diversi rispetto alla gara di Champions (elementi dello spessore di Lozano, Mertens e Callejon in panchina, Allan e Manolas a casa), rischiando anche tre azzurri all'esordio stagionale (Ospina, Malcuit, Milik) senza la migliore condizione, ma soprattutto tutt'altra tipologia di gioco con la coppia d'attacco composta da Milik, un mese dopo l'infortunio muscolare, in coppia con Llorente.

La formazione impostata può rappresentare un messaggio a tutte le medio-piccole. Quest'anno è inutile chiudersi piazzando il pullman perché il Napoli ha anche l'arma della fisicità con due punte strutturate e sei-sette saltatori sul metro e novanta su angoli e palle inattive create a ripetizione. Dalla squadra dei piccoletti a quella dei giganti. E nel cuore dell'area, su ogni palla vagante, in questo momento Fernando Llorente sembra sapere prima dove finisce ogni singola palla vagante. Così sblocca la partita, sfruttando un tiro rimpallato di Milik, e poi firma la doppietta per il 4-1 finale, con nel mezzo anche il rigore procuratore per il raddoppio di Insigne e tanto lavoro per la squadra difendendo palla nell'unica fase di pressione del Lecce dopo il 3-0, firmato Fabian con un sinistro fantastico sotto gli occhi di Abidal del Barcellona presente in tribuna. Il Napoli che sfrutta la trasferta dunque anche per migliorare la condizione generale delle seconde linee, per proseguire al top questo tour de force che ora riserva agli azzurri due gare di fila in casa (Cagliari e Brescia). Ed Ancelotti potrà contare sulla freschezza di addirittura otto undicesimi risparmiati ieri: Meret, Di Lorenzo, Manolas, Mario Rui, Allan, Callejon, Mertens e Lozano. La forza del turnover e di una rosa mai così profonda.