E se il rinnovo di Mertens fosse un indizio sul futuro di Osimhen?

“Equilibrio con Mertens e Osimhen? Abbiamo rischiato imbarcate anche col Sassuolo nel primo tempo”. 
02.05.2022 16:00 di Arturo Minervini Twitter:    vedi letture
E se il rinnovo di Mertens fosse un indizio sul futuro di Osimhen?
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Facciamo un gioco, di quelli che si trovano sulla settimana enigmistica in cui bisogna unire i punti per poi avere un’immagine chiara. E parliamo di Ciro Mertens, di una seconda parte di stagione che ha restituito al Napoli il suo bomber storico, nonostante alcune scelte del tecnico Luciano Spalletti che hanno spesso penalizzato l’attaccante belga.

Ora, il contratto di Mertens è in scadenza a giugno. E fino a qualche settimana fa al rinnovo il Napoli non ci pensava nemmeno più tanto, vuoi per la necessità di ridurre i costi, vuoi per la volontà di dare sempre più fiducia a Victor Osimhen. E questa scelta, i fatti lo dimostrano più che le dichiarazioni, non è che facesse disperare più di tanto Spalletti, che aveva quasi deciso di assegnare un ruolo marginale a Mertens già in questa stagione.

Cosa è cambiato? Due elementi vanno presi in considerazione. In primis le offerte che sono arrivate a gennaio per Osimhen, col Newcastle pronto a sfondare il muro dei 100 milioni per accaparrarsi immediatamente il classe ’98 del Napoli, trovando però la porta chiusa da parte del club. Appuntamento però che potrebbe essere rimandato all’estate, con altri club entrati in corsa per il nigeriano: primo fra tutti il Manchester United, con cui c’è stato un incontro nei giorni scorsi a Castel Volturno. Secondo elemento, pure abbastanza noto: Mertens ha iniziato (in realtà non aveva mai smesso, ma non giocava mai) con incredibile continuità, alla media di una marcatura ogni 111’ giocati in campionato. 

Difficile dunque, anche sul piano mediatico, spiegare la rinuncia ad un valore tecnico di questo tipo. Soprattutto se, queste cifra, si abbinano ad una volontà fortissima da parte del calciatore di restare a Napoli ad ogni costo, accettando anche un ingaggio più di tre volte inferiore a quello percepito attualmente. C’è però un problema: il rapporto mai decollato con Spalletti. Se Osimhen dovesse restare al Napoli, avrebbe senso tenere Mertens considerata la chiusura del tecnico alla possibilità di vederli giocare assieme? Anche col Sassuolo, in una gara senza importanza, il tecnico ha punzecchiato: “Equilibrio con Mertens e Osimhen? Abbiamo rischiato imbarcate anche col Sassuolo nel primo tempo”. 

C’è stata una programmazione su questo tema? O il rinnovo di Mertens, come ci risulta, è stata un’iniziativa quasi solitaria di Aurelio De Laurentiis? Magari il patron sa qualcosa in più di Spalletti sul futuro di Osimhen, iniziando così a mettere una prima toppa. Il tempo ci dirà…