Giuntoli a KKN: "Con Gattuso rinnoveremo, trattiamo anche con Hysaj e Maksimovic! AZ? Pieno di talenti. Su Osimhen..."

All'indomani del k.o. interno contro l'AZ Alkmaar in Europa League, Cristiano Giuntoli incontrerà i microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.
23.10.2020 14:12 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Giuntoli a KKN: "Con Gattuso rinnoveremo, trattiamo anche con Hysaj e Maksimovic! AZ? Pieno di talenti. Su Osimhen..."

All'indomani del k.o. interno contro l'AZ Alkmaar in Europa League, Cristiano Giuntoli incontrerà i microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Tanti temi saranno affrontati insieme al direttore sportivo azzurro, dalla sconfitta al mercato, nel corso della chiacchierata con la radio ufficiale. Potrete seguire l'intervista con la diretta testuale di Tuttonapoli.net.

14:01 - Arriva il diesse Cristiano Giuntoli ai microfoni della radio ufficiale: "Sicuramente perdere non fa mai piacere, nessuno se l'aspettava e nemmeno noi. Anche se nessuno ha parlato della forza dell'AZ Alkmaar, che ha calciatori molto bravi come Steng, Koopmeiners, Midtsjo e tanti altri. E' una squadra molto organizzata che darà filo da torcere a tutti in questo girone. Perdere non fa mai bene. Devo difendere Gattuso che non ha fatto tanti cambi perché il Covid-19 non gli ha permesso di utilizzare Elmas, Zielinski e Insigne aveva un problema fisico. Si è tenuto solo Petagna per l'ultima mezzora. Non dobbiamo attaccarci però né al Covid né alla sfortuna, è stata una prestazione tutt'altro che brillante".

Ci può stare una battuta d'arresto dopo la grande prova con l'Atalanta? "Ci può stare ma non ci deve stare. Dobbiamo essere più cattivi, più affamati, perché non abbiamo fatto ancora nulla. Quest'anno facciamo un calcio più verticale e dispendioso, ma questo non è un alibi. Dobbiamo andare oltre e cercare di non incappare in queste battute d'arresto. Abbiamo tante soluzioni, ma abbiamo pagato la partita con l'Atalanta. Probabilmente la squadra avrebbe avuto bisogno di più cambi. Ovviamente Insigne non aveva più di 30' nelle gambe, Elmas e Zielinski non potevano esserci. Un po' le contingenze e un po' le nostre scelte ci hanno condannato. Tutto però tornerà alla normalità già da domenica con una grande prestazione".

Sul match col Benevento: "Sarà una partita molto difficile. La Roma ha vinto solo nei minuti finali, con l'Inter il Benevento invece è stato sfortunato. Sarà una gara molto complicata".

Gattuso sta facendo un lavoro strepitoso in 10 mesi. "Siamo molto contenti del lavoro fatto, in campo e fuori dal campo. Ha sposato completamente la nostra causa. E' arrivato in un momento delicato, le cose non stavano andando bene, ma lui ci ha aiutato a ritrovare l'assetto giusto per ripartire a grandi livelli. Lui è contento qui, un accordo per il rinnovo si può trovare".

Siete felici di quanto fatto finora? "Siamo contenti, però adesso tutto quello che noi pensiamo di poter fare va fatto. Abbiamo fatto vedere grandi cose, ma ora il nostro compito è quello di dare continuità e riportare il Napoli sui livelli che conosciamo".

Koulibaly è rimasto, Osimhen e Bakayoko sono arrivati: che ambizioni può avere il Napoli? "Siamo molto contenti del lavoro svolto, ma dobbiamo lavorare ancora tanto con Gattuso per costruire una squadra che possa fare tanti punti e tornare ai livelli di due anni fa. Ci sono le basi per poterlo fare, ora dobbiamo dare continuità a quanto di buono fatto finora".

Sei ottimista per il rinnovo di Gattuso? "Sono molto possibilista. Quando ci sono le componenti che una società vuol tenere un allenatore e l'allenatore vuole restare l'accordo è una conseguenza naturale".

Hysaj e Maksimovic: lavorate al rinnovo? "Hanno fatto già un percorso con noi, hanno dato tanto e possono dare ancora tanto. Stiamo parlando con loro e i loro entourage. E' una situazione delicata quella del Covid, per cui dobbiamo restare in certi paletti. Stiamo facendo capire loro che puntiamo su di loro, ma gli abbiamo detto anche che c'è bisogno di oculatezza dal punto di vista economico".

Osimhen è il colpo più importante della tua carriera? "E' un acquisto importante sicuramente. Io in carriera ne ho fatti tanti. Il primo acquisto fatto a Napoli fu Allan, che fu altrettanto importante. Gli acquisti sono tutti importanti, ma la verità è che devono diventarlo sul campo. Osimhen deve ancora dimostrarlo, anche se ha fatto vedere buone cose".

14:12 - Termina qui l'intervista di Cristiano Giuntoli.