Spalletti in conferenza: "Partita vinta con la serietà di chi gioca di meno! Scontri ci spaccano il cuore! Koulibaly? Club sa cosa penso. Su Kvaratskhelia e Mertens..."

22.05.2022 15:02 di Arturo Minervini Twitter:    vedi letture
Spalletti in conferenza: "Partita vinta con la serietà di chi gioca di meno! Scontri ci spaccano il cuore! Koulibaly? Club sa cosa penso. Su Kvaratskhelia e Mertens..."
TuttoNapoli.net

Luciano Spalletti è atteso in sala stampa dopo la vittoria sullo Spezia. A breve le sue parole su TN: "Scontri iniziali? Bisogna sempre valutare chi c'è allo stadio, che ci sono famiglie e non si possono far vedere degli episodi del genere. È una cosa che ci spacca il cuore, non è quello il modo giusto. Lo stadio serve a tutti per divertirsi e passare un bel pomeriggio e tifare. Si sono viste cose belle, come a Bergamo che sono usciti dall'Europa e i tifosi hanno festeggiato la squadra. Così come a Genova, che i tifosi hanno sostenuto la squadra nonostante la retrocessione. Quello è il modo giusto".

Ha tenuto in campo Koulibaly per 90': è un segnale al club?

"Il club sa bene cosa penso su Koulibaly. Ci sono calciatori che hanno cose differenti. Difficile creare il sentimento che ha lui per questa squadra, la stessa professionalità. Rimetterle in un altro calciatore non è facile, quando è arrivato non era questo. I buoni calciatori si comprano, i leader si creano con il lavoro nel tempo".

Ancora sugli scontri

"Sono momenti che spaccano il cuore a tutti in questo sport. Non devono succedere questi episodi negli stadi, poi bisogna capire i motivi ma comunque vanno condannate queste cose".

Note di merito per qualcuno in campo?

"Quelli che erano in campo vanno tutti elogiati. Quando si è professionisti si prova a vincere tutte le partite, si va forte negli allenamenti perchè sennò si è dilettanti, ed è un'altra cosa. Siamo professionisti in una città come Napoli, di passione veramente forte. Arrivare così e fare una gara del genere vuol dire che si sono allenati bene, qualcuno di questi senza mai giocare. Questo vuol dire che si ha a che fare con dei ragazzi seri".

Insigne andrà via, Mertens?

"Il Napoli deve mantenere questa qualità tecnica, dalla fase offensiva si creano i presupposti per andare a far gol. Quello che ha l'invenzione dal nulla, i geni di questo calcio sono da preservare e servono in tutte le squadre. Insigne parte, ma la società si è aggiudicato un calciatore simile come Kvaratskhelia, con quelle caratteristiche. Poi bisognerà vederlo nel nostro campionato. Mertens? La storia parla per lui, quello che ha prodotto per questa squadra dice che lui è un leader, di cui il calcio ha bisogno per far cose importanti. Quando parlo di forza non dico che serva per fare il tiro alla fune, si parla di forza strutturale ma anche di esplosività".

Emozione di tornare a La Spezia da avversario? 

"E' sempre una sensazione particolare, è un merito che ha questa città e questa squadra. Sono belle cose vedere uno stadio tutto vestito di bianco, tutti partecipi alla partita e accettare e festeggiare ugualmente la propria squadra nonostante il risultato negativo. Nel calcio dovrebbe essere sempre così. E' un'emozione che rimane per me ogni volta torno, la mia famiglia sta qua d'estate. Spero di rincontrarci sempre in questa categoria.

Una cosa permettetemi di dirla: come staff, con la partenza di Daniele Baldini, peggioreremo certamente. Baldini, oltre a essere un amico è mio collaboratore storico, vero uomo di calcio, un allenatore che potrebbe tranquillamente allenare in serie A. Rispetto la sua decisione di fermarsi ma non posso che essere preoccupato per il vuoto che lascerà all’interno dello staff".