Esclusiva - Abel Hernandez: "Un sogno giocare in Europa. Il Napoli? Non so nulla, ma sarei orgoglioso di giocarci. Gargano è sensazionale, Lavezzi mi incanta"

Intervista esclusiva per Tutto Napoli.net con il talento uruguaiano Abel Mathias Hernandez, attaccante in forza al Club Atletico Penarol (Uruguay)
30.11.2008 08:00 di Francesco Caputo  articolo letto 21288 volte
Esclusiva - Abel Hernandez: "Un sogno giocare in Europa. Il Napoli? Non so nulla, ma sarei orgoglioso di giocarci. Gargano è sensazionale, Lavezzi mi incanta"

Intervista esclusiva per Tutto Napoli.net con il talento uruguaiano Abel Mathias Hernandez, attaccante in forza al Club Atletico Penarol (Uruguay)

- Ciao Abel, tutto bene? "Tutto bene per fortuna"


- Di te si parla un gran bene. Il tuo agente italiano, Vincenzo D'Ippolito, ha più volte esaltato le tue qualità. Ci descrivi meglio le tue caratteristiche? "Sono veloce e bravo di testa. Il mio ruolo è l'attaccante, ma a volte mi piace anche arretrare un pò la posizione per aiutare i miei compagni nelle fasi di gioco" 

- Il tuo idolo? "In generale è Diego Armando Maradona. Per quanto riguarda il mio ruolo ammiro molto Fernando Morena, ex attaccante uruguaiano, nonchè campione d'America e del Mondo nel 1982 e storico goleador del Penarol"


- Ti senti maturo per un'esperienza in Europa? "Sarebbe un sogno per me giocare in Europa, anche se sono molto giovane, ho 18 anni. Tuttavia se arrivasse qualche offerta dal campionato italiano ci penserei"

- Ti piace il campionato italiano, vero?
"Si, molto. Insieme a quello spagnolo è il mio preferito"

- In passato sei stato vicino al trasferimento al Genoa. Perchè è saltato tutto?
"Le visite mediche non andarono bene, dissero che avevo problemi cardiaci. Ma in seguito è stato dimostrato che non era vero niente"

- Il direttore generale del Napoli Pierpaolo Marino segue molto il calcio sudamericano, specialmente quello argentino e uruguaiano. Il Napoli ti ha mai cercato?
"Che io sappia no, ma sono consapevole del fatto che il Napoli guarda molto in Sudamerica per gli acquisti. Ci sono già diversi argentini e uruguaiani nella rosa azzurra"


- Un giorno ti piacerebbe giocare nel Napoli?
"L'unica camiseta che sento particolarmente è quella del Penarol. In Europa sarei disposto a giocare in qualsiasi club di serie A. Il Napoli ha una grande storia alle spalle, sarei orgoglioso un giorno di giocare lì"


- Un giudizio sui quattro uruguaiani del Napoli: Walter Gargano, Marcelo Zalayeta, Mariano Bogliacino e Nicolas Amodio.
"Gargano è un giocatore sensazionale. Lui fa tutto: marca, pressa, crea il gioco. E' semplicemente un giocatore da Nazionale. Zalayeta è un attaccante d'area spettacolare, un grande riferimento per me. Uno dei miei attaccanti preferiti. Per quanto riguarda Bogliacino e Amodio, non ho avuto la possibilità di vederli giocare troppo. Il primo ha giocato anche nel Penarol nell'anno 2003-2004"

- E di Ezequiel Lavezzi cosa pensi?
"E' un calciatore che mi incanta, è completissimo. Non vorrei mai averlo come avversario"

- Infine ti chiediamo qual'è il tuo sogno nel cassetto.
"Ne ho tre: il primo è quello di diventare campione d'America e del Mondo 2009 con il Penarol. Il secondo è giocare nella Seleccion maggiore uruguaiana. Il terzo è quello di giocare un Mondiale"

- Abel ti ringraziamo per la squisita disponibilità "Di nulla, grazie a voi"