TN - Sindaco Dimaro: "Ritiro? Speriamo non salti, pronti a cambiare periodo! Sul contratto..."

Il calcio potrebbe ripartire a giugno e concludersi a ridosso dell'inizio della prossima stagione. Un'ipotesi ancora tutta da verificare
02.04.2020 07:31 di Fabio Tarantino Twitter:    Vedi letture
TN - Sindaco Dimaro: "Ritiro? Speriamo non salti, pronti a cambiare periodo! Sul contratto..."

Il calcio potrebbe ripartire a giugno e concludersi a ridosso dell'inizio della prossima stagione. Un'ipotesi ancora tutta da verificare, legata inevitabilmente al virus, che rischia di stravolgere le abitudini estive di ogni club. È prematuro anche solo parlarne, sono possibilità remote, di sicuro Dimaro Folgarida, da nove anni sede del ritiro del Napoli, è pronta ad accogliere ogni eventuale novità pur di "non interrompere questo sodalizio così bello". Lo dice il sindaco, Andrea Lazzaroni, che a Tuttonapoli.net racconta: "Non abbiamo ancora sentito il Napoli, d'altronde oggi le priorità sono altre, ma attendiamo sviluppi e ci auguriamo che il ritiro, quest'anno, si possa fare regolarmente". 

È tutto in alto mare, sindaco, eppure se il calcio dovesse ripartire potrebbe farlo solo in estate. "Intanto speriamo che per quel periodo si risolva tutto. Poi, nel caso, attenderemo sviluppi. Solo il virus può decidere la tempistica". 

Il ritiro, che di solito si svolge per tre settimane a luglio, rischia di slittare ad agosto o di saltare, chi può dirlo, perché è tutto ancora incerto. "Noi, ovviamente, speriamo si faccia. Una cosa è sicura: il Napoli, da noi, può venire quando vuole. Se sarà ad agosto, valuteremo i giorni. Ci confronteremo. Aspettiamo".

Il contratto aiuta a capirne di più? "L'accordo col Napoli prevede una durata minima di giorni - due settimane o poco meno - fino a un massimo di tre settimane come periodo complessivo di soggiorno. Da parte nostra c'è massima disponibilità, così come per ogni richiesta specifica che abbiamo sempre accontentato. Speriamo solo non salti, sarebbe un peccato". 

Tornando all'attualità: il virus ha bussato alla vostra porta? "Per fortuna ci sono stati pochissimi casi e di questo siamo felici. Due positivi sono stati dimessi e sono sulla via della guarigione. Da quando è stata diramata l'emergenza, tutti in maniera esemplare hanno rispettato le regole e sono rimasti a casa".

Il resto lo avete fatto voi. "Proprio oggi abbiamo finito di distribuire 1800 mascherine per tutti i maggiorenni attraverso una consegna porta a porta con l'aiuto dei vigili. Si tratta di una donazione da parte di un signore che ha la seconda casa qui, Luca Bondioli, proprietario di un calzificio. Ci ha dato una grande mano".