Focus

Euro 2024, tutto sulla Slovacchia di Lobotka: Calzona deve dimenticare Napoli

Tante ex conoscenze della Serie A nella Slovacchia di Francesco Calzona che ritorna all'Europeo per la terza volta consecutiva.
11.06.2024 15:20 di  Antonio Noto  Twitter:    vedi letture
Euro 2024, tutto sulla Slovacchia di Lobotka: Calzona deve dimenticare Napoli
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Tante ex conoscenze della Serie A nella Slovacchia di Francesco Calzona che ritorna all'Europeo per la terza volta consecutiva. Da Vavro a Skriniar, passando per Gyomber, Lobotka, Duda, Kucka, Haraslin, Suslov, Tupta e Hancko. Retroguardia importante con Dubravka in porta e praticamente tutti ex Serie A, in mezzo al campo a ragionare Lobotka. Fortunati anche a finire in un girone abbastanza semplice, con solo il Portogallo come fuori serie. Però ha avuto meglio di Bosnia Erzegovina e Islanda, non era scontato. Di seguito il focus sulla nazionale slovacca a cura della redazione di Tuttomercatoweb.

Il percorso verso Euro 2024

Slovacchia - Lussemburgo 0-0

Slovacchia - Bosnia Erzegovina 2-0
13' Mak, 40' Haraslin

Islanda - Slovacchia 1-2
41' Finnbogason rig. (I), 27' Kucka (S), 69' Suslov (S)

Liechtenstein - Slovacchia 0-1
45'+1 Vavro

Slovacchia - Portogallo 0-1
43' Bruno Fernandes

Slovacchia - Liechtenstein 3-0
1' Hancko, 3' Duda, 6' Mak

Portogallo - Slovacchia 3-2
18' Gonçalo Ramos (P), 29' rig. e 72' Cristiano Ronaldo (P). 69' Hancko (S), 80' Lobotka (S)

Lussemburgo - Slovacchia 0-1
77' Duris

Slovacchia - Islanda 4-2
17' Oskarsson (I), 30' Kucka (S), 36' Duda rig. (S), 47' e 55' Haraslin (S), 74' Gudjohnsen (I)

Bosnia Erzegovina - Slovacchia 1-2
49' Hrosovsky aut. (B), 52' Bozenik (S), 71' Satka (S)

Il calendario:
17 giugno, Belgio - Slovacchia (Francoforte, ore 18)
21 giugno, Slovacchia - Ucraina (Dusseldorf, ore 15)
26 giugno, Slovacchia - Romania (Francoforte, ore 18)

La stella: Milan Skriniar è il capitano e il giocatore più rappresentativo della selezione dell'italiano Francesco Calzona. Difensore arcigno, difficile da saltare, crea una buona coppia con un'altra vecchia conoscenza del nostro campionato, stavolta in negativo, come Dennis Vavro. Al Paris Saint Germain ha fatto discretamente, pur senza raggiungere i picchi di prestazione che ha avuto negli anni con l'Inter. I nerazzurri, comunque, si sono consolati benino nel corso dei due anni.

Da tenere d'occhio: Leo Sauer rischia di essere uno dei prossimi craque dell'Eredivisie. A diciott'anni ha già giocato 13 partite in campionato (con 2 gol e 4 assist) e due in Champions. Può giocare in tutti i ruoli dell'attacco ed è seguito da molti club di prima fascia. L'anno scorso è stato riscattato dallo Zilina, club slovacco che ne deteneva il cartellino prima.

Il commissario tecnico: 55 anni, Francesco Calzona si è diviso negli ultimi mesi tra nazionale e Napoli, parentesi tutt'altro che felice. Innegabile tuttavia il suo lavoro con la selezione è stato di qualità. Si parte dal 4-3-3 di base, in piena scuola Sarri. Gioca senza un bomber di razza ma con la capacità di mandare in rete tanti giocatori.

L'undici tipo: Dubravka; Gyomber, Vavro, Skriniar, Hancko; Kucka, Lobotka, Duda; Schranz, Bozenik, Haraslin.