Portavoce Mourinho: "Mazzarri è un asino, può lavorare ma non sarà mai un cavallo di razza"

Come reagire alle provocazioni se si è in silenzio stampa? Nessun problema: quando Mourinho non può parlare, ci pensa il suo portavoce Eladio Parames
22.02.2010 15:59 di Antonio Gaito   vedi letture
Fonte: Gazzetta dello Sport
Portavoce Mourinho: "Mazzarri è un asino, può lavorare ma non sarà mai un cavallo di razza"
TuttoNapoli.net
© foto di Federico De Luca

Come reagire alle provocazioni se si è in silenzio stampa? Nessun problema: quando Mourinho non può parlare, ci pensa il suo portavoce Eladio Parames che ha voluto rispondere a Ranieri ("Troppo facile passare da Abramovich a Moratti") e Mazzarri ("In proporzione ho vinto più io di Mourinho"): "Dopo aver letto le dichiarazioni del signor Ranieri e del signor Mazzarri, come addetto stampa ma soprattutto come amico di Mourinho, voglio dire al signor Ranieri che José, sia con il Chelsea di Abramovich che con l'Inter di Moratti ha vinto molti titoli, al contrario di lui, che nel club di Abramovich e nella Juve della famiglia Agnelli non ha vinto nulla. Al signor Mazzarri invece sottolineo che un asino può lavorare molto ma non diventerà mai un cavallo di razza. E per quanto riguarda il Porto, José aveva un budget di 60 milioni nel 2004 e nonostante questo ha vinto, mentre la sua squadra solo sul mercato ha speso più di 57 milioni. E in tal senso si deve spiegare all'asino che il mercato rappresenta soltanto una parte del budget di una società. Molta gente, me compreso, dice a José che è brutto e fa male al cuore vederlo in un campionato che qualche anno fa, per il noto scandalo, ha portato grande tristezza a tutti quelli che amano il calcio. Ma José mi risponde sempre di non preoccuparmi 'perché - dice - io e i miei giocatori siamo un gruppo: combattiamo contro tutti e io mi diverto'".