La caccia al nuovo bomber con la caratteristica a sorpresa

05.06.2020 07:37 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
La caccia al nuovo bomber con la caratteristica a sorpresa

(di Arturo Minervini) - Nomi. Tanti nomi. Con tante ricerche su Google e YouTube, a caccia di indizi sugli esotici obiettivi di Cristiano Giuntoli. Perché i nomi fino a qui associati al Napoli nel ruolo di attaccante, non sono mainstream, ma questo non vuol dire che non possano essere funzionali. Anzi, la storia recente del club azzurro dimostra che spesso  nomi poco noti ai grandi appassionati siano diventati pedine fondamentali e ben presto finiti sulla ribalta internazionale.

Vero, Osimhen piace molto. Il classe ’98 del Lille intriga, perché si ritiene che abbia il potenziale per esplodere da un momento all’altro. Altra verità: Azmoun è alternativa gradita, un pochino meno del nigeriano, ma comunque apprezzato per il senso del gol.

C’è vero un’altra verità che si staglia nei discorsi sul nuovo bomber, quello che pare destinato ad indossare le vesti di Arek Milik, sempre più lontano da Napoli con quel contratto in scadenza nel giugno 2021 che ormai una spada di Damocle sulla testa del polacco. La verità è semplice e funzionale a ragioni legate ai regolamenti: se il Napoli potesse, preferirebbe andare ad acquistare un attaccante comunitario, per evitare di spegnere uno slot da extra-comunitario che potrebbe magari servire in altre posizione. Certo, saranno poi le strade del mercato ad orientare in maniera definitiva la scelta. Ma l’orientamento esiste. Staremo a vedere se diverrà qualcosa su cui non si possa transigere in nessun modo.