Il Napoli fa la Befana e regala la vittoria all’Inter. Squadra troppo molle e quasi rassegnata

Gattuso non poteva bastare e si sapeva. Servono rinforzi!
06.01.2020 22:42 di Francesco Molaro Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Il Napoli fa la Befana e regala la vittoria all’Inter. Squadra troppo molle e quasi rassegnata

Il Napoli travestito da Befana regala tre gol all’Inter giocando una delle sue peggiori sfide qui al San Paolo. La classifica diventa preoccupante, e il non gioco visto per larghi tratti deve allertare chi di dovere. Il cambio di allenatore non basta a questa squadra che per ora non ha cambiato passo. Il solito primo tempo no del Napoli eppure sia l’inizio che il finale è tutto degli azzurri. Nel mezzo due gravi errori che l’Inter gradisce e porta a casa. Il Napoli come detto parte bene e rischia di passare ma Zielinski non tira e Insigne non riesce a giocarla bene. L’Inter gioca in velocità e quando Di Lorenzo cade scivolando Lukaku non può sbagliare. Il Napoli sembra bloccato sulle gambe e l’Inter offende ancora. Sempre Lukaku ma stavolta ci mette lo zampino Meret. Incredibile la papera del portierino azzurro. Il Napoli sembra alle corde, gioca male. Senza idee, senza schemi, senza carattere. Troppo poco ma poi l’Inter cala un pochino e l’errore lo fa. Callejon fa fallo su Handanovic e Doveri annulla ma poi il Napoli il volo lo segna dopo l’ennesimo errore sotto porte di Insigne. Callejon crea e Milik in spaccata trova il gol. Nel recupero ancora una palla buona da schiacciare in rete ma Milik sbaglia. Il secondo tempo è stranissimo. Il Napoli parte benino, prova anche a raddrizzarla ma quando sembravi poterla pareggiare ecco l’ennesimo errore, doppio errore. Hysaj regala palla agli avversari Manolas e Meret fanno la frittata e Lautaro segna. Tre gol, tre regali nella calza della befana. Dopo il gol non succede più nulla o quasi. Gattuso cambia solo all’81, inspiegabile, ma Lozano e Llorente forse non meritano più di 10 minuti in campo. Le delusioni sono tante, Fabian in primis, ma anche Insigne, Zielinski e Callejon anche se regala un po’ di illusione con il suo assist. Preoccupa un San Paolo gelido e ammutolito senza tifosi organizzati che mette il Napoli in condizione di giocare quasi in trasferta. Preoccupa la poca reattività di Gattuso, la poca lucidità di un allenatore che forse non si fida di tutta la rosa, fare solo due cambi e non inserire Elmas anche per far rifiatare qualcuno è un segnale sicuramente. Ora la palla passa alla società che se vuole evitare il tracollo deve fare assolutamente qualcosa.