Sconfitta incredibile. Arbitro scandaloso, da ufficio inchieste. Ma se non la butti dentro...

Gattuso non esente da colpe
09.02.2020 17:09 di Francesco Molaro Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Sconfitta incredibile. Arbitro scandaloso, da ufficio inchieste. Ma se non la butti dentro...

Incredibile ma vero, una sconfitta che ha molteplici colpevoli. Manca la conicità, manca la cattiveria ma se devi giocare anche contro gli arbitri succede anche questo. Complimenti al Lecce ma se neghi un rigore sacrosanto e arbitri in maniera scellerata ecco che poi succede l’inverosimile. Gattuso non è esente da colpe e forse anche i cambi di formazione in corsa non sono stati dei migliori. Ma avvolgiamo il nastro:

il Napoli gioca, il Lecce segna. In questa annata è spesso successo cosi. Il Napoli spinge, crea ma non segna, gli avverasi fanno un tiro in porta e passano. Un primo tempo incredibile. Il napoli sfiora il gol ameno tre volte. Milik, Zielinsky, Politano, Insigne ci provano e sfiorano Ion più occasioni il vantaggio la palla però non entra. Il Lecce sbaglia anche in difesa ma non ne approfittiamo mai e i salentini si salvano quasi in maniera banale. Politano spinge ma soffre  Di Lorenzo, e a centrocampo il solito Demme deve fare gli straordinari. In difesa torna Koulibaly ma come al solito vuole strafare. Il Lecce non ci crede che può attaccare e quando lo fa in una sola occasione passa. Ospina non è perfetto sulla respinta e Lapadula solo soletto insacca. Il Napoli prova a reagire ma gli spazi si chiudono e il Lecce tiene il vantaggio alla fine della prima frazione. Gattuso nella ripresa ghetta nella mischia Mertens e il belga alla prima palla regala un cioccolatino a Milik che incredibilmente stava sbagliando ma la palla tocca il palo ed entra. Sembrava che si poteva riprendere questa gara strana ma il Napoli sparisce. Lapadula di testa beffa Ospina con un tocco facile facile e sul Napoli accusa il colpo. La squadra sembra nuovamente confusa, nervosa, mai lucida e quando Milik viene atterrato in area tutti ci aspettiamo il penanlty ma l’arbitro non va al Var e ammonisce incredibilmente il polacco. Scarso ma anche in malafede questo “arbitruccio” che vuole fare il protagonista. Che si ripete pochi minuti dopo non fischiando punizione al Napoli ma si al Lecce che con Mancosu che trova la giocata della domenica e batte Ospina. Il Napoli trova anche il gol con Callejon ben pescato in area. I minuti finali sono di speranza ma succede tropo poco. Una sconfitta amara figlia di un arbitraggio scandaloso ma di uni Napoli sicuramente ancora non guarito.