Archiviazione caso Juve-Napoli, procuratore FIGC: "Non si poteva non tener conto della sentenza CONI"

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" è intervenuto Marco Di Lello, procuratore aggiunto della FIGC.
15.01.2021 21:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
Archiviazione caso Juve-Napoli, procuratore FIGC: "Non si poteva non tener conto della sentenza CONI"

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" è intervenuto Marco Di Lello, procuratore aggiunto della FIGC: "Comunicato Procura FIGC sul caso Napoli? L'attività degli ispettori che hanno depositato la relazione non ha ravvisato violazioni. La questione era anche di ordine giuridico, tra la diversità di sentenza era evidente che non si potesse non tenere conto delle valutazioni. Se avesse avuto ragione Mastrandrea o la Corte Sportiva d'Appello, che parlavano di attività fraudolenta del calcio Napoli, fosse prevalsa questa linea ovviamente la Procura avrebbe fatto un altro tipo di valutazione. Ma nel momento in cui il CONI spiega che nell'ordinamento della fonti prevale l'ordinamento statale, allora è evidente che se non c'è una violazione di altra natura non c'è quella sul protocollo COVID-19.

Non c'è un automatismo ovviamente. Però è altrettanto vero che non puoi non tenere conto della sentenza della Cassazione dello Sport, cioè del CONI. I miei colleghi sono tre insigni giuristi ben più autorevoli di me, tra cui Tornatori e Chinè. C'erano diversità di opinioni ma non si poteva non tenere conto della decisione precedente. Il massimo organismo era del CONI. Nello specifico non c'è stata una violazione, se ci fosse stata verosimilmente ci sarebbe stata una sanzione pecuniaria come in altri casi.

Protocollo da rivedere? La sentenza del CONI pone un tema di funzionamento del meccanismo, però è anche vero che con questo protocollo le partite si giocano lo stesso. Tutto sommato si gioca quindi è giusto, se c'è qualche aggiustamento da può fare si potrà certamente fare, magari proprio dopo la sentenza del Collegio di Garanzia del CONI. Come tutti gli amanti del calcio aspetto più che altro il giorno in cui si possano riaprire gli stadi e quello in cui anche i dilettanti possano tornare a giocare. Speriamo ci siano quanto prima le condizioni.

Caso Suarez? Non mi occupo di questo personalmente ma c'è un fascicolo aperto, c'è un'attività che sta facendo la Procura di Perugia. All'esito, la Procura FIGC farà le sue valutazioni. Ora non c'è una sovrapposizione di attività. Procedimento per l'esodo dei giocatori della Juventus in Nazionale? Ci sono state alcune contestazioni che si sono concluse con sanzioni pecuniarie, spesso arrivando a una sanzione concordata".