Bucchioni svela: "Sarri resta alla Juve e adesso vuole il suo vecchio pallino al Napoli"

Enzo Bucchioni, giornalista fiorentino da sempre vicino a Maurizio Sarri, ha svelato qualcosa sul futuro dell'ex tecnico azzurro
27.03.2020 21:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Bucchioni svela: "Sarri resta alla Juve e adesso vuole il suo vecchio pallino al Napoli"

Enzo Bucchioni, giornalista fiorentino da sempre vicino a Maurizio Sarri, ha svelato qualcosa sul futuro dell'ex tecnico azzurro nel suo editoriale per Tuttomercatoweb.com: "Prima del contagio era un allenatore sospeso, la sconfitta di Lione aveva innescato processi. Il partito del dubbio era cresciuto soprattutto fra i tifosi della Juve. Il sarrismo in bianconero non funziona? Era ed è il grande interrogativo, ma ora nessuno potrà più rispondere a questa domanda. Sarri non potrà essere giudicato, necessariamente sarà confermato anche se qualche dubbio sarà venuto anche ad Agnelli.

Chi ce lo dice che con una primavera normale non avremmo visto la vera Juve? Che la preparazione atletica non fosse stata programmata per un grande finale di stagione? Giocatori che stavano entrando in forma si sono fermati, altri sono stati contagiati. E’ saltato tutto. Sarri non potrà essere giudicabile e quando non sei giudicabile hai diritto a un’altra chance: Sarri l’avrà. Anche se non dovesse vincere lo scudetto, anche se non dovesse vincere la Champions, ammesso e non concesso che si tornerà a giocare, Sarri resterà in bianconero. A maggior ragione, ovvio, se dovesse vincere".

JORGINHO E NON SOLO - "Ma la riflessione su Sarri la Juve l’ha di sicuro allargata anche al parco-giocatori. Questa non era la squadra per Sarri e l’anno prossimo delle modifiche all’organico andranno apportate. Il regista, ad esempio. Pjanic funziona poco. In quel ruolo l’aveva adattato Allegri, ma al bosniaco mancano due qualità fondamentali per il gioco sarriano: la rapidità di pensiero e la continuità. Pjanic organizza il gioco, sa aggredire alto, ma in possesso palla ragiona troppo e rallenta. Ha pause durante la partita e durante la stagione. Ecco allora che per lui la pista Paris Saint Germain è più aperta che mai, mentre Sarri dovrebbe avere un giocatore simbolo del suo modo di fare calcio: Jorginho. L’operazione col Chelsea si può fare, ma Sarri vuole anche uno fra Alonso (il preferito) e Emerson Palmieri. Altri colpi fattibili. A questi aggiungiamo l’arrivo certo di Kulusevsky che può diventare un centrocampista capace di qualità, quantità e gamba. In mano a Sarri può pensare in grande.

Questi sono innesti possibili. E, ovvio, con loro e un anno di sarrismo in più nella testa e nelle gambe del gruppo bianconero, la Juve potrebbe già fare così un bel passo in avanti. Mi fermo qui, perché non sapere cosa succederà domani nella vita e nel calcio, in questo momento ci deve ispirare molta cautela. Ci sono due nomi grossi che da tempo ruotano attorno alla Juve e parlo di Icardi e Pogba. Ci sono le condizioni per portare a termine operazioni di questo tipo, così onerose? Vedremo. La Juve dovrebbe liberarsi di Higuain e Douglas Costa, ma anche di altri “pesanti”. Situazioni non facili da gestire per la crisi che di sicuro investirà tutto e tutti. Le operazioni sono comunque imbastite da tempo, i riflettori accesi. Piace poi anche il giovane Tonali, ma ci sono in cassa 50 milioni per un altro duemila? Più facile finisca all’Inter. E Chiesa? Altra situazione da tenere d’occhio, ma i conti della Juventus non sono brillantissimi e troppe cose non si potranno fare. I bianconeri hanno diversi giocatori da piazzare, da Romero a Mandragora a Luca Pellegrini, ma che mercato sarà?".