Chiariello: "Siate orgogliosi del Napoli di ADL, è l'unico club a potersi permettere Conte"

A Radio Napoli Centrale, nel corso di 'Un Calcio alla Radio', il giornalista Umberto Chiariello è intervenuto con il suo editoriale.
29.05.2024 23:00 di  Antonio Noto  Twitter:    vedi letture
Chiariello: "Siate orgogliosi del Napoli di ADL, è l'unico club a potersi permettere Conte"

A Radio Napoli Centrale, nel corso di 'Un Calcio alla Radio', il giornalista Umberto Chiariello è intervenuto con il suo editoriale: "Antonio Conte si avvarrà di Stellini come vice, la sua coppia di preparatori atletici che lavoreranno con Sinatti e Cacciapuoti, non porterà l’allenatore dei portieri, il fratello farà da match analyst, la new entry Elvis Abbruscato – ex calciatore del Lecce – e chiaramente lavorerà in tandem con Lele Oriali nel ruolo di team manager con lo spostamento di Santoro al settore giovanile. Questo è quello che sappiamo. Siamo in attesa di definizione dei contratti, mentre De Laurentiis è a Ibiza con tutta la famiglia per un po’ di vacanze. Dato che si dà per quasi acquisito quest’arrivo, mi viene di fare delle riflessioni. Quest’anno, di sicuro, il signore Aurelio De Laurentiis non ne ha azzeccata una neanche per sbaglio e ne è consapevole anche lui stesso in primis. Qualora chiudesse questo allenatore, con questo staff, con l’arrivo di Oriali, il segno di discontinuità rispetto al passato recente è evidentissimo: Manna operativo già da marzo, nuovo allenatore a giugno, nuovo dirigente a giugno con un ruolo che viene colmato finalmente. Voi imbecilli, a questo punto, siate orgogliosi del vostro presidente. Se aveste un barlume di intelligenza – dubito – vi accorgereste che già la stampa del nord sta facendo un fuoco di sbarramento su Conte e il Napoli pazzesco.

Sono partite tutte le false narrazioni possibili: Conte non è adatto al Napoli, non è duttile, un talebano. Tante fesserie clamorose. Lui sa i giocatori che ha a disposizione e come valorizzarli, sa anche chi in un sistema di gioco è utile o meno.  A voi imbecilli chiedo di provare un po’ di orgoglio, la narrazione su Napoli è stata sempre questa e oggi, questi signori stanno rosicando assai perché la semplice verità non la raccontano: la Juve non si è accostata neanche a Conte perché non può permetterselo; l’Inter, falsa narrazione: per 18 mesi, se vendono, devono dare i soldi a Zhang e debiti non ne fanno, si devono autogestire; il Milan sta messo un po’ meglio, la Lazio no, la Roma no; la Fiorentina si vende i propri gioielli mentre Commisso fa il gradasso col Viola Park. Provate orgoglio, perché il Napoli ha i soldi, è la più ricca, la più forte, si può permettere di spendere 60 milioni per lo staff tecnico. Provate orgoglio perché siamo i più forti d’Italia e permetterci tutto ciò che gli altri non possono permettersi e questo è un fatto epocale. Poi c’è un altro punto: Conte è quello che ha la caratteristica che più serve al Napoli, è un riattivatore immediato. Incide subito. Antonio Conte viene con entusiasmo enorme, lo dice Gianluca Di Marzio, me lo racconta Ciro Venerato, lui è convinto di vincere. Quando De Laurentiis ha detto di voler tornare a vincere in pochi anni non era ubriaco – come spesso lo dipingete – quando parla della squadra e fa la faccia seria non sgarra. De Laurentiis fa sul serio con Conte e Oriali, spendendo 60 milioni. L’arrivo di Conte è un segnale di discontinuità per tutto il calcio italiano perché solo il Napoli ha la forza per permetterselo e dichiara apertamente di avere ambizione e voler tornare a competere ai massimi livelli. Se al nord rosicano, e li capiscono, voi napoletani dovete provare orgoglio perché non siamo più la Cenerentola della situazione, siamo una potenza. Almeno questo, a De Laurentiis, vogliamo riconoscerlo o no? ".