Sconcerti: "Ancelotti non poteva andare più avanti, a gennaio però vedremo cambiamenti"

A dire la sua sui temi principali di giornata è stato a Maracanà, trasmissione del pomeriggio di TMW Radio, il direttore Mario Sconcerti.
11.12.2019 23:50 di Antonio Gaito Twitter:    Vedi letture
Sconcerti: "Ancelotti non poteva andare più avanti, a gennaio però vedremo cambiamenti"

A dire la sua sui temi principali di giornata è stato a Maracanà, trasmissione del pomeriggio di TMW Radio, il direttore Mario Sconcerti.

Sull'Inter
"Conte gioca un calcio semplice, mentre in Europa è aumentata la qualità e la velocità. Il modello di gioco di Antonio si addice poco all'Europa. L'Inter va in difficoltà con le squadre che giocano bene al calcio. Vedi con Juventus, Roma, Barcellona. E' una squadra a tratti formidabile perché ha attaccanti formidabili, ma non ha un assetto di gioco che gli permette di affrontare avversari ben strutturati".

Sull'esonero di Ancelotti
"La situazione di Napoli è molto complessa. E' strano che venga esonerato un tecnico che ha superato il turno di Champions. Ancelotti passa il turno ma viene eliminato quando ormai il Napoli è fuori dall'Europa in campionato. Non è un fatto strettamente tecnico, ma maturato in questi ultimi 50 giorni tra incompatibilità tra lui e la squadra. Era un esonero già conclamato, non si poteva più andare avanti".

Su Gattuso
"Nessuno sa se lui è quello giusto. E' un ragazzo di grande carattere, ha appena 40 anni. Se Milik smette di essere infortunato perenne, magari torna a rendere a grandi livelli. E' l'inizio di un cambio di gestione tecnica. Credo che già a gennaio vedremo cambiamenti importanti".