Genoa, Gilardino in conferenza: "Marassi ci trascinerà, servirà coraggio in ripartenza! Vasquez c'è"

15.09.2023 13:31 di  Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
Genoa, Gilardino in conferenza: "Marassi ci trascinerà, servirà coraggio in ripartenza! Vasquez c'è"
TuttoNapoli.net

 Sfida alla capolista per il Genoa. Dopo il ko di Torino e la pausa per le Nazionali, i rossoblu sono pronti a tornare in campo fra le mura amiche per affrontare il Napoli di Rudi Garcia. In vista della gara del "Ferraris", il tecnico Alberto Gilardino interverrà in conferenza stampa dal centro sportivo "Gianluca Signorini" di Pegli. Segui la diretta testuale su TUTTOmercatoWEB.com.

Il Genoa quanto dovrà essere concentrato domani?
"Al 200%. Incontriamo i campioni d'Italia, miglior attacco e miglior difesa della scorsa stagione. Due candidati al Pallone d'Oro come Kvara e Osimhen. Chi gioca nel Napoli ha grandissima qualità e fisicità. Noi dobbiamo fare una partita di mentalità. I ragazzi devono avere coraggio, dovremo saper difendere bene ma quando ci sarà bisogno di proporre dovremo essere affamato".

Come stanno i giocatori che sono tornati dalle Nazionali?
"Stanno bene. Vasquez è tornato ieri, ha fatto un lungo viaggio dopo aver fatto due partite. Dragusin sta bene, Puscas ha giocato entrambe le gare. Gli altri sono rientrati bene. Hanno voglia di essere presenti e con chi è rimasto abbiamo lavorato sia dal punto di vista fisico che tecnico-tattico".

Come si ferma il Napoli?
"La prerogativa è di avere una mentalità costante. Dentro questo tipo di mentalità ci deve essere la voglia e il desiderio di proporre o nelle ripartenze o nella metà campo avversaria".

Malinovskyi come sta?
"Ha avuto un piccolo problema ad inizio settimana. Poi si è allenato regolarmente, ci può portare qualcosa di diverso sia dall'inizio che a partita in corso. E' una scelta in più che l'allenatore può avere".

Ci sarà uno stadio di nuovo pieno. Hai paura che succeda la stessa cosa contro la Fiorentina?
"Ci auguriamo di no (sorride ndr). Pressione? E' passione, non pressione. La pressione è giusto ce l'abbia io. I ragazzi devono essere trasportati dalla passione. Io non mi sposto da avere pressioni, le ho sempre avute. E' un motivo in più per essere ancora più lucido, più dentro alla partita. Ma la passione è quello che ci deve fare quel qualcosa in più. E' quello che noi dobbiamo avvertire, la squadra sa dell'importanza della partita. Noi giochiamo contro i campioni d'Italia ma vogliamo punti".

La pressione?
"Ho vissuto le stesse situazioni, le pressioni le ho sempre avute come quando non facevo gol. Io mi auguro e credo di aver trasmesso i concetti giusti alla squadra in queste settimane. I ragazzi hanno risposto nel modo giusto lavorando con serietà e professionalità. Siamo riusciti anche a rifiatare in queste due settimane per ricaricare le batterie. Siamo ripartiti forte e chi è rientrato ha la mentalità giusta per affrontare questa gara. Sono curioso di capire che partita farà la mia squadra".

Vasquez ha fatto due partite e il viaggio: può partire dall'inizio?
"Sì può partire dall'inizio perché è una macchina da guerra. Dovrò valutare poi nei 95 minuti, Martin e Haps hanno lavorato bene".

Come stanno Messias e Vogliacco?
"Mi auguro che Messias si riesca ad accelerare il percorso per farlo rientrare in gruppo. Mi auguro che nei prosismigiorni dopo la partita si possa iniziare un percorso all'interno el gruppo. Vogliacco sta continuando il suo percorso col recupero, mi auguro che in 10-15 giorni possa recuperare".

Come vedi Retegui al ritorno dalla Nazionale?
"Ha voglia ed è motivato e determinato di poter supportare l'attacco del Genoa. Questa è la cosa più importante. Ci affidiamo a lui con le sue qualità e ai ragazzi per poterlo supportare nel modo giusto perchè il lavoro corale della squadra più aiutare un giocatore come Mateo".

Sei fra gli allenatori più apprezzati dai tifosi.
"Grande emozione. Essere apprezzato per il lavoro svolto è una delle cose più belle e gratificanti che un uomo può avere. Quello che hanno dimostrato alla festa del Genoa, ma che mi hanno sempre dimostrato, è qualcosa di unico e non penso sia ripetibile. In questa piazza e con questa gente credo sia qualcosa di speciale che si è creato già l'anno scorso con la squadra. E' normale che dipende sempre tanto dai risultati. Io credo che se la squadra dimostra in campo di avere mentalità e atteggiamento giusto credo le prestazioni le faremo e i tifosi saranno contenti".

Ci aiuti a descrivere De Winter e Kutlu?
"De Winter può giocare da centrale nella difesa a quattro, queste sono mie opinioni, da terzino e in una difesa a tre da braccetto. Se dovesse giocare, ci alza la struttura a livello difensivo. Ha gamba sul lungo, una proprietà tecnica importante. Kutlu ha dinamismo, è una mezzala di attacco alla profondità o che viene a giocare fra le linee in un centrocampo e tre".

13.20 - Termina la conferenza stampa di Alberto Gilardino.