Ssc Napoli, Formisano: "Campagna abbonamenti da fuochi d'artificio per un San Paolo strapieno! Prezzi più bassi e cambio di utilizzatore"

16.07.2019 13:18 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Ssc Napoli, Formisano: "Campagna abbonamenti da fuochi d'artificio per un San Paolo strapieno! Prezzi più bassi e cambio di utilizzatore"

Alessandro Formisano, head of operations della Ssc Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, soffermandosi su diversi temi: "Abbiamo in questi anni sempre cercato  di stare accanto agli organizzatori per dare un supporto, molte cose che facciamo sul piano del marketing e della comunicazione è unico. Abbiamo tanti ospiti, è venuto Gino Rivieccio, verrà Sal Da Vinci ed i comici di Made in Sud. Il villaggio gratuito per i bambini, che è accanto allo stadio, con tante altre opportunità per far si che Dimaro non sia soltanto assistere un allenamento ma vivere qualcosa di più ampio.

Nuova maglia? Risultati enormi, siamo soddisfattissimi, sono in larga parte nelle attese. Abbiamo Lete ormai con noi da 15 anni, Kimbo con noi da 4 ed il ritorno di Msc che torna ad essere nostro sponsor. 

Le maglie più vendute? Ieri c'era una richiesta incredibile di maglie per Manolas, abbiamo fatto taglia e cuci con i nomi ed abbiamo composto una trentina di maglie nell'immediatezza, ma il fornitore ci ha spedito anche altre maglie. Kappa è il nostro sponsor tecnico per il quinto anno di seguito. E' un rapporto dove c'è comunione di intenti tra i due presidente, sono realtà italiane e questo ci fa molto piacere. 

Gradimento incredibile per le maglie? Si, l'abbiamo riscontrato anche noi, abbiamo dei criteri di valutazione. Sappiamo che la maglia è piaciuta tantissimo. Animare la maglia azzurra in modo che sia ogni anno sempre appetibile non è facile. Quest'anno siamo riusciti a fare un  camuflage pixellato, mantenendo il nostro dna al 100% azzurro.

Anticipare i tempi? Alla base di rapporti con  aziende come Kappa, italiana come quella che l'ha preceduta, c'è la capacità di essere flessibili. Questa flessibilità ovviamente paga, ci consente di essere rapidi nelle scelte, di non avere i tempi lunghissimi delle multinazionali. 

Campagna abbonamenti? Noi come calcio Napoli siamo pronti da diverse settimane. Non c'è spirito di polemica, siamo in attesa che il Comune ed il commissariato delle Universiadi ci consegnino lo Stadio. In tante occasioni ho detto che i grandi eventi sportivi sono un'opportunità per la riqualificazione dell'impiantistica, quindi chapeau. Stanno completando le numerazioni, sono passaggi fondamentali per dare  il via alla campagna abbonamenti. Il presidente mi ha detto di dire che sarà una campagna abbonamenti da fuochi d'artificio, avremo prezzi più bassi rispetto agli ultimi anni. Il nostro obiettivo è riempire il San Paolo, arrivare ad una campagna abbonamenti con una quota molto alta, la più alta in Italia. 

Superare i 40 mila dell'Inter? Abbiamo una conformazione dello stadio più favorevole per il settore superiore, rispetto a San Siro che ha una capienza di 75 mila, noi ci avvicineremo a 52 di cui 3.500 per il settore ospiti. Diciamo che questi numeri non sono i nostri, ma è chiaro che riusciamo a saturare la nostra capienza, quale sarà il numero assoluto sarà sempre un successo. 

Si punterà ad avere un San Paolo strapieno. Sono nel Napoli da 13 anni, la società ha sempre riservato una quota di biglietti gratuiti per i bambini che vengono gestiti per il tramite dall'assessorato del Comune e della direzione regionale scolastica, abbiamo riservato un prezzo simbolico e stiamo cercando di capire quale può essere il modo migliore una quota dei distinti.

De Laurentiis ha chiesto di giocare le prime due gare fuori? Di solito, in occasione dei calendari si fa questa verifica. Per la prima fuori non credo sarà un problema essere accontentati, bisognerà valutare la seconda. Sono stato al San Paolo e c'è una parte che è ancora un cantiere. Resteranno i maxi schermi? Non devi chiederlo a me, magari a Borriello (assessore allo sport, ndr).

Riscontri da Amazon? Sicuramente Amazon è il primo market place, il più importante operatore mondiale che porta le persone ad avere i prodotti comodamente a casa, è stata questa la principale spinta. Dal 2008 abbiamo attivo un negozio online del Napoli, questo fa il 50% delle vendite verso gli Stati Uniti. Se io utilizzo una piattaforma americana con merce che viene spedita in America con grandi quantità ovviamente c'è un vantaggio competitivo, comprare la maglia da Amazon per chi vive negli Usa ovviamente è più comodo.

Cambio di utilizzatore per biglietti o abbonamenti? Negli anni precedenti alcuni ci hanno manifestato questa problematica: lavoro fuori Napoli, torno per il week end ma mi perdo le partite infrasettimanali, quindi non so a chi dare il biglietto. Sarà importante per la campagna abbonamenti.

Se arriva James e prezzi più bassi è tanta roba? Le Universiadi hanno consegnato alla città un impianto migliorato, i bagni sono tutti nuovi e molto bagni saranno aggiunti, quei locali adibiti a bar saranno trasformati in servizi igienici. C'è un nuovo impianto di illuminazione a led, nuovo impianto sonoro, faremo appello ai nostri tifosi per preservare lo stadio"