Il punto di Martino a TN: "Felice per le parole di ADL su Milik, flop abbonamenti anche colpa della Lega! Tante idee per i tifosi, su Llorente e la Samp..."

Carmine Martino, giornalista Mediaset, è il radiocronista storico del Napoli: potete seguirlo e vivere ogni sfida in diretta su Kiss Kiss con la sua voce
12.09.2019 07:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Il punto di Martino a TN: "Felice per le parole di ADL su Milik, flop abbonamenti anche colpa della Lega! Tante idee per i tifosi, su Llorente e la Samp..."

La fiducia a Milik, la sua idea su Juve-Napoli e il rammarico per i numeri degli abbonati al San Paolo. Questi i temi trattati da De Laurentiis al Corriere dello Sport e commentati nel suo consueto editoriale su Tuttonapoli.net dal giornalista Carmine Martino, voce di Kiss Kiss che ritroverete sabato alle 18 per la sfida alla Sampdoria. 

Secondo De Laurentiis, in proporzione, a Bari ci sono più abbonati che a Napoli... "Ma a Bari si vive un'atmosfera diversa, c'è lo stesso entusiasmo che si respirava a Napoli nel 2004. Non mi meraviglia il boom di abbonati così come non mi meravigliano le difficoltà che ci sono a Napoli. La società ha finalmente cambiato strategia ma ci vorrà ancora del tempo prima di convincere i tifosi a sottoscrivere di nuovo la tessera. La verità è che i vertici del calcio negli ultimi 20 anni hanno fatto di tutto per abituare i tifosi alle pay tv e oggi molti stadi sono vuoti. Le nuove generazioni non sono più abituate ad andare allo stadio". 

Quali rimedi per invertire il trend? "La nuova politica dei prezzi è un punto di partenza, così come lo stadio rinnovato, ma servono altre iniziative per riaccendere lo spirito di appartenenza dei napoletani. Faccio un esempio: gli amanti del calcio vanno ad Anfield soprattutto per seguire la curva che canta You'll never walk alone. Ecco, servirebbero eventi simili. Stimolato nel modo giusto, il pubblico napoletano potrebbe fare addirittura di più. Oltre che per gli scudetti, il Napoli di Maradona veniva ricordato per il tifo calorosissimo, oggi invece è un semplice luogo comune. I turisti chiedono di andare al San Paolo ma poi ne restano delusi perché è vuoto". 

De Laurentiis rinnova la sua fiducia a Milik ma conferma di aver voluto fortemente Icardi. Non è una contraddizione? "Forse il presidente voleva tenere entrambi e creare un tandem d'attacco incredibile. Personalmente non ho mai capito fino in fondo la corte a Icardi. Continuo a credere che Milik sia l'attaccante giusto per il Napoli e sono felice che anche De Laurentiis si sia espresso pubblicamente. Anche se, magari, il suo può anche essere un discorso interessato...". 

Sabato arriva la Sampdoria al San Paolo e Milik non ci sarà. Chi lo sostituirà? "Mi aspetto Younes dal primo minuto con Callejon, Zielinski e Mertens centravanti pronto ad alternarsi con Lozano e Llorente".

A proposito dello spagnolo: idee chiare in conferenza stampa. "Oltre ad essere un attaccante esperto è un uomo intelligente, di grande cultura. Con lui il Napoli ha fatto un ottimo colpo". 

Il "consiglio" dato ad Ancelotti dopo la Juve è una 'puntura' o cos'altro? "Direi di no, De Laurentiis ha semplicemente evidenziato un aspetto che anche altri hanno rivelato. Tutti si sono chiesti, me compreso, perché a Torino avesse giocato Koulibaly. Ma De Laurentiis lo ha fatto in maniera molto tranquilla, ha manifestato il suo pensiero senza andare oltre. Lo ha fatto da presidente che stima il suo allenatore".