Qualcuno pensava che ADL facesse le capriole dopo 3 ‘pere’ a Verona?

Rafa Benitez. Ora è il nome che rimbalza, che per qualcuno risolverebbe vecchi problemi.
26.01.2021 16:37 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Qualcuno pensava che ADL facesse le capriole dopo 3 ‘pere’ a Verona?

De Laurentiis è arrabbiato. Incredibile. Dopo aver perso la sesta gara nelle ultime quattordici in campionato, ed una finale in Supercoppa con la Juve, il presidente del Napoli è arrabbiato. E chi se lo sarebbe mai aspettato? Ce lo immaginavamo a rotolare sul divano dalla gioia dopo le tre pere rimediate al Bentegodi, e invece…

Il momento è delicato, ma non rendiamo ancor più complesso. Tante voci, troppe voci, anche superflue voci su questo Napoli. Su Insigne che sbaglia i rigori perché è stanco, su Gattuso che non allena bene perché ha dolore all’occhio, sul patron che prima aveva fatto i complimenti per la sconfitta con la Juve e poi d’improvviso vorrebbe silurare Gattuso.

Eccessi, i soliti eccessi. Che colorano il pallone, lo rendono pane da masticare ad ogni orario. Che a volte va pure bene così, però poi bisogna anche un attimo ragionare. Non agire di pancia, razionalizzare i momenti.

Rafa Benitez. Ora è il nome che rimbalza, che per qualcuno risolverebbe vecchi problemi. Problemi che il Napoli di Benitez aveva in abbondanza, giusto per non fare un torto alla storia. Discorso differente sarebbe inquadrare Rafa, che da tempo ha iniziato la fase discendente della sua carriera da allenatore, in un ruolo differente. Direttore generale, perché no? Magari a fare a cazzotti con l’ego del patron, ma anche questo vorrebbe dire crescita. 

Su Gattuso, che dire. In difficoltà, confuso da un momento che si aspettava differente. Da un clima di incertezza, che mai ha aiutato nessuna squadra. È sotto il mirino della critica e del suo datore di lavoro: non sarà la prima volta e nemmeno l’ultima. Il calcio muta in fretta, va oltre le firme promesse e quelle ancora da apporre. Rischia il tecnico, rischia un progetto che non può tenere fuori dal fuoco anche Cristiano Giuntoli per denaro speso e mai tramutatosi in effettivi progressi sul campo. De Laurentiis non può che essere arrabbiato. Deve essere arrabbiato. Furioso.