TN - Mal di gol, il tridente di ex bomber contro i catastrofisti: "Problema solo mentale. Serve tranquillità e un po' di fattore C"

18.02.2019 18:30 di Dario De Martino Twitter:   articolo letto 12805 volte
TN - Mal di gol, il tridente di ex bomber contro i catastrofisti: "Problema solo mentale. Serve tranquillità e un po' di fattore C"

(di Dario De Martino). Mal di gol, un problema solo mentale. «Passerà sicuramente, la squadra gioca e produce azioni da gol. Bisogna soltanto sbloccarsi e il pallone tornerà a gonfiare la rete» dicono in coro gli “esperti” di gol. Tre grandi ex attaccanti del Napoli, Ciro Muro, Beppe Savoldi e Stefan Schwoch, gente che di reti se ne intende, hanno commentato a Tuttonapoli.net il momento di difficoltà realizzativa degli azzurri con Dries Mertens, Arek Milik e Lorenzo Insigne che sembrano un po’ in appannamento. 

«Negli altri anni appena toccavano il pallone era gol e anche all’inizio di questa stagione, a turno, i gol non sono mai mancati» analizza Ciro Muro. Non una vera prima punta, ma il 10 post-Maradona di reti ne faceva tante e ne fa ancora con la maglia della Stella Rossa nel torneo Intersociale. «Il problema vero sarebbe se gli attaccanti non arrivano sotto la porta. Invece tutti e tre sono presenti e pronti a segnare, ma non riescono a buttarla dentro. Passerà». Insomma, eduardianamente “adda passà ‘a nottata”. Come? «Bisogna superare mentalmente questo problema sbloccandosi con qualche rete, magari anche con un pizzico di c…» conclude Muro con una risata.

I grandi attaccanti si intendono a volo anche a distanza. Il “fattore C” viene richiamato, infatti, anche da Beppe Savoldi. «Quando non fai gol per qualche giornata inizi a crearti un po’ di paure e perdi un po’ di fiducia in te stesso. Basta un gol, anche con un pizzico di c…, e si riprende a segnare con il solito ritmo» dice Savoldi, che analizza: «I tre attaccanti azzurri non riescono a trovare la porta, ma di occasioni la squadra ne produce. Può succedere nell’arco di un campionato. Ma sono fiducioso che presto riprenderanno la strada del gol. Sarebbe molto più grave che la squadra non producesse gioco e azioni da rete. Non mi preoccuperai più di tanto».

«Nell’arco di un anno succedono questi momenti. Il problema vero sarebbe se il Napoli non producesse azioni da gol. Invece gli azzurri ne crano tantissime, bisogna superare questo momento con serenità» dice Stefan Schwoch che sottolinea come si siano troppe critiche verso gli attaccanti. «Milik - dice il bomber che portò il Napoli in A nel 1999-00 - non si è “mangiato” nessun gol ieri. Non ha avuto occasioni chiarissime, ci sono state troppe critiche. Anche Mertens ha sbagliato solo un controllo, Insigne è stato sfortunato colpendo il palo. È un momento che non gira bene e bisogna restare tranquilli per superarlo. Non è facile con troppe critiche che piovono addosso, ma sono tre  calciatori che hanno la personalità per superarle»