Crippa: "Kim e Kvaratskhelia, che scoperte!"

A “1 Football Club”, programma radiofonico in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Massimo Crippa, ex calciatore, tra le tante, di Napoli Torino
28.09.2022 15:20 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
Crippa: "Kim e Kvaratskhelia, che scoperte!"
TuttoNapoli.net
© foto di Federico De Luca

A “1 Football Club”, programma radiofonico in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Massimo Crippa, ex calciatore, tra le tante, di Napoli Torino: “Napoli-Torino? Mi aspetto una partita bella, perché il Napoli viene da un momento positivo e il Torino avrà da rifarsi dopo le ultime due sconfitte pesanti. Credo insomma che ci tenga a voler portare un risultato positivo a casa. Contro Juric poi le avversarie hanno sempre un certo tipo di difficoltà, non è mai facile affrontarle. Vlasic? Questo giocatore qua lo stiamo scoprendo adesso, sta facendo delle ottime prestazioni. Se Juric ha parlato di lui è stato per stimolarlo, proprio perché la partita contro il Napoli lo mette di fronte alla capolista di questa Serie A, alla squadra al momento più in salute.
 

Juric? Spalletti saprà come fare, ci sono dei giocatori che stanno facendo benissimo e le difficoltà le avrà anche il Torino. Stiamo scoprendo dei giocatori che erano sconosciuti come Kim e Kvara, ma il Napoli in generale ha fatto una grande scelta nell’acquistare calciatori come Raspadori e Simeone che volevano lanciarsi in una grande piazza. Stanno dando un contributo eccezionale.

Raspadori? Sta diventando importante anche a livello europeo, lo abbiamo visto in Champions. Mancini lo ha schierato accanto a Scamacca e anche in Nazionale ha fatto benissimo. Speriamo in generale che l’Italia riesca a prepararsi al meglio per la Final Four di giugno.

Problemi dell’Inter? Credo che sia qualcosa in società di cui il lato tecnico stia risentendo: incertezza per quanto riguarda la presidenza e un po’ di confusione in qualche scelta, penso anche a Lukaku che finora neanche c’è stato. Sicuramente la squadra è competitiva e ci sarà filo da torcere, ma al momento l’impressione è che esistano dei problemi che non conosciamo. Centrocampisti che rubano l’occhio? Dico Brozovic, Anguissa che è stato una scoperta per tutti e a me piace tantissimo Barella. È uno dei migliori a livello europeo. Come trequartista non saprei dirti, ma occhio a De Ketelaere che non ha ancora espresso il suo potenziale”.