De Magistris: "Basta ipocrisia sui festeggiamenti! Gente esce ovunque in Italia, riaprite stadi ridotti!"

Nel corso di Canale 21, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha parlato della vittoria del Napoli in Coppa Italia
19.06.2020 10:50 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
De Magistris: "Basta ipocrisia sui festeggiamenti! Gente esce ovunque in Italia, riaprite stadi ridotti!"

Nel corso di Canale 21, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha parlato della vittoria del Napoli in Coppa Italia: "L'emozione è stata forte, essere i primi a vincere nella ripartenza è anche di buon augurio. Battere la Juve è sempre complicato, poi c'è anche il significato di Sarri e Higuain, è un bel regalo anche per Gattuso per ciò che sta facendo e per la sua perdita, è stata una bellissima giornata. Questa vittoria lancia anche l'immagine di Napoli, sarà importante raccontare la strada che vogliamo intraprendere, il calcio ha una grande potenza, così come la città e dobbiamo mostrarla come vincente e sicura, in cui c'è voglia di vivere.

FESTEGGIAMENTI - Non mi meravigliano. Non bisogna essere ipocriti, non si poteva immaginare i napoletani in casa dopo una vittoria del genere. Chi pensa una cosa del genere non conosce Napoli, il tifo ed il momento, questo non significa giustificare alcuni atti di vandalismo che ci sono stati perché bisogna amare anche la città se ami la squadra. Basta con l'ipocrisia, la gente sta in strada, a Napoli come altrove, alcuni senza mascherina, in molte parti d'Italia la mascherina non è obbligatoria. Altrimenti bisognava fermare tutto il calcio fino a settembre, è chiaro che il tifoso scende in strada se fai giocare una finale. Sciagurati per l'Oms? Ha sbagliato, Napoli grazie ai napoletani è diversa, è stata tra le prime a chiudersi, ad avere un numero limitato, da giugno c'è contagio zero. Io sono più preoccupato per l'esasperazione sociale ed economica e le scelte dello stato. Per me si poteva già andare negli stadi, eventualmente con riduzioni, con distanziamento di 2 metri si dava un'immagine diversa e secondo me si sta esagerando. Noi riapriamo il San Carlo, altrimenti distruggiamo il paese".