Di Fusco: "Quelli del Nord parlano di Maradona in quel brutto modo perché non lo conoscevano"

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live" è intervenuto Raffaele Di Fusco, ex portiere nel Napoli di Maradona
04.12.2020 10:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Di Fusco: "Quelli del Nord parlano di Maradona in quel brutto modo perché non lo conoscevano"

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live" è intervenuto Raffaele Di Fusco, ex portiere nel Napoli di Maradona: "Maradona? Una notizia molto triste, io non avevo tanta voglia di parlarne ma dopo che ho sentito alcuni personaggi del Nord parlare di lui in quel modo ho avuto la dimostrazione che non conoscevano Diego, non Maradona. Mi ha meravigliato Cabrini. Diego a Torino non sarebbe mai andato, lui era contro il potere di qualsiasi genere. Diego dal calcio ha preso tanto ma nella vita privata ha sempre dato".

L'AMICO DIEGO - "Abbiamo perso un amico, una persona cara, un compagno. Quando non è stato bene, nell'ultimo periodo a Napoli, noi eravamo preoccupati di come stava lui. E' stata una grossa perdita ma si continua a parlare di lui come se fosse vivo. Per chi non lo conosce non cambia niente, cambia a noi napoletani e a noi compagni di squadra. Perché noi abbiamo assaporato Diego e non solo Maradona. Lui ha fatto tante cose belle anche se non le ha mai dette. Lui stesso era una fondazione benefica. Ha sempre ribadito di non aver fatto male a nessuno, solo a sé stesso".

LA MORTE - "Gli ultimi avvenimenti sono allucinanti, assurdo che un personaggio del genere venga mandato fuori dall'ospedale senza che gli venisse data assistenza. Fatto sta che Diego è morto in una maniera immeritata. Parliamo di uno che ha inventato la sfera rotonda. Cabrini dovrebbe ringraziare Napoli e i napoletani, altrimenti Maradona l'avrebbe visto solo in televisione. Maradona a differenza di tanti campioni aveva un bagaglio enorme: inventava al momento, aveva genialità, non nascerà nessuno come lui".