Ex dir. Tuttosport: “Ennesima vicenda dopo Calciopoli, altra vergogna per i tifosi juventini!”

Paolo De Paola, giornalista ed ex direttore del Corriere dello Sport e di Tuttosport, ha commentato ai microfoni di Sportitalia le ultime vicende in casa Juventus
03.12.2022 15:00 di Francesco Carbone   vedi letture
Ex dir. Tuttosport: “Ennesima vicenda dopo Calciopoli, altra vergogna per i tifosi juventini!”
TuttoNapoli.net

Paolo De Paola, giornalista ed ex direttore del Corriere dello Sport e di Tuttosport, ha commentato ai microfoni di Sportitalia le ultime vicende in casa Juventus: “In questi ultimi anni, soprattutto gli ultimi 16 anni che sono seguiti a Calciopoli, da parte della Juventus non c’è stato un passo perché anche le ultime dichiarazioni di John Elkann mi dispiacciono per quello che sostengono. “Torneremo a vincere” non ha nessun senso. Ormai la Juventus da 16 anni è nell’occhio di un ciclone che riguarda e spacca l’Italia in due tra chi odia la Juve e chi la ama. Ed è un odio sportivo che ha radici profonde proprio in quello che viene percepito come senso di ingiustizia. Allora io mi domando e lo domando proprio a John Elkann, all’ingegnere, se è mai possibile che in questi anni non si sia fatto nulla per creare una sorta di comitato etico all’interno della Juventus che vagli tutte le situazioni, tutti gli uomini e tutte le operazioni all’insegna della trasparenza e della correttezza in modo da far capire che la Juventus deve essere l’ultima società a poter fare determinate cose.

Dopo Calciopoli l’altro sospetto sta sull’affare Suarez e adesso questa vicenda delle plusvalenze. Ma ci immaginiamo vicende di questo genere magari quando c’era l’avvocato Boniperti? Non lo so, magari potevano esserci ugualmente, ma quello che manca fortemente in questo momento da parte dei tifosi normali della Juventus è una presa d’atto di pulizia di immagine della Juventus che viene deturpata per colpe di cui la Juventus è protagonista. Se si dimette e cade un CdA come quello della Juventus vuol dire che c’è qualcosa di grosso sotto. Possiamo sospettarlo perchè siamo tutti garantisti, aspettiamo fino alla fine, però sicuramente non è che dopo Calciopoli, l’esame di Suarez e ora quest’altra vicenda la società può dire ‘Torneremo a vincere’. E’ una vergogna dirlo con quello che sta succedendo”.