Jacomuzzi su Raspadori: "Che fortuna non sia andato all’estero! E' la vera stella dell'Italia"

"Koulibaly in difficoltà? Me l’aspettavo, in Italia è molto diverso".
29.09.2022 14:50 di Antonio Noto Twitter:    vedi letture
Jacomuzzi su Raspadori: "Che fortuna non sia andato all’estero! E' la vera stella dell'Italia"
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

A '1 Football Club' su 1 Station Radio, è intervenuto Carlo Jacomuzzi, presidente AIOC ed ex direttore sportivo di Napoli ed Atalanta, nonché ex calciatore del Torino: "Torino? La sua solidità rispecchia le caratteristiche del suo giocatore, che ha da sempre molto temperamento e lo trasmette. Per questo ottiene buoni risultati, dovremo vedere se riuscirà contro il Napoli a dimostrare di aver completato la crescita della sua squadra, chiamata a fare risultato in un campo difficile come il Maradona. Il Napoli però ha riserve di lusso, ha una rosa importante e sono carichi a mille.

Raspadori? Una fortuna che non sia andato all’estero, sta dimostrando di valere questi soldi spesi dal Napoli. Su Scamacca invece ho qualche remora, è Jack la vera stella. Assomiglia a Paolo Rossi come finalizzatore, come movimenti e come intelligenza.

I meriti di Spalletti? Sono tanti, gli sta creando spazi e modi di giocare. Ma per Raspadori vanno ringraziati anche i suoi primi allenatori, che gli hanno permesso di sgusciare così bene tra i difensori. Non dimentichiamo che Giacomo ha poi dei compagni di squadra di grande qualità, specialmente Osimhen che attacca la profondità come nessuno nel nostro campionato. Ha tanta umiltà, tanta forza e Raspadori sfrutta questi movimenti. 

Koulibaly in difficoltà? Me l’aspettavo, in Italia è molto diverso. C’è pressione, mentre in Inghilterra si parla della partita solo il venerdì e il sabato. Si gioca al calcio aperti per vincere, non per pareggiare. Bisogna che Kalidou capisca bene gli avversari, conosca bene i compagni e le dinamiche e mostri di nuovo il suo valore.

Kim? È arrivato con grande umiltà ed è stato avvantaggiato da questo, ma aveva già esperienza: ha giocato nel suo Paese e in Turchia, un campionato difficile, fisico e giocato in stadi tutti difficili e ostili. Migliorerà ancora, di certo”.