L'economista Giudice sulla Superlega: "Il progetto di 3 anni fa è ormai obsoleto"

A Radio Napoli Centrale, nel corso di 'Un Calcio alla Radio', è intervenuto Alessandro F. Giudice, analista finanziario del Corriere dello Sport.
23.02.2024 23:20 di  Antonio Noto  Twitter:    vedi letture
L'economista Giudice sulla Superlega: "Il progetto di 3 anni fa è ormai obsoleto"
TuttoNapoli.net

A Radio Napoli Centrale, nel corso di 'Un Calcio alla Radio', è intervenuto Alessandro F. Giudice, analista finanziario del Corriere dello Sport: "In Italia c’è bisogno di un’evoluzione culturale. Questo concetto di ‘caccia i soldi’ è sempre imperante. I tifosi inglesi, ad esempio, non hanno questo riflesso condizionato di invocare soldi e spese come se li prendessero dal cassetto. A volte, leggo anche nella stampa, dei titoli assurdi quando una squadra compra qualcuno.

Inter ha la proprietà indebitatissima? Sì, ma ha messo i soldi nell’Inter. Con i soldi che Zhang si è fatto prestare e tenuto parcheggiati a Lussemburgo, ha coperto le perdite di gestione. Lettera di Commisso? Non gli posso dare torto.  Non solo comprano i giocatori, ma determinano un’inflazione nel prezzo dei giocatori, esattamente come funziona nel mercato. Doping amministrativo mai scomparso? Non è mai scomparso, si sta cercando di arginarlo e credo che la diatriba in corso tra Lega e FIGC sia anche sui criteri, ma non è solo in Italia. Ho ascoltato un convegno che si è svolto online cui hanno partecipato vertici mondiali, cui il tema era proprio la sostenibilità. In Inghilterra hanno dato 10 punti all’Everton e il Governo ha deciso di regolamentare il calcio mettendo un commissario governativo indipendente con determinati poteri. C’era anche l’intervento dell’associazione che rappresenta i tifosi, in Inghilterra, con il tema della sostenibilità. Stadio miliardario dell’Inter? Zhang non ha le risorse per farlo, né ha la capacità di generare credito, nessuno andrebbe a finanziarlo.

Indebitamento Juve? Ha fatto un’operazione stile Barcellona, coprendo debiti a breve, rinunciando a futuri incassi. La Juventus ha un’azionista che è Exor che non avrebbe nessun problema a ricapitalizzare, non lo fa per ragioni di opportunità.

SuperLega? Il calcio andrà verso un consolidamento, probabilmente qualcosa a livello sovranazionale nascerà. Credo che quel progetto di SuperLega nato 3 anni fa è andato".