"Napoli non perse lo scudetto in tv!", Cobolli Gigli attacca Sarri: "Davanti alle ingiustizie non serve piagnucolare..."

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, è intervenuto nel corso di 'Radio Goal', trasmissione in onda su Radio Kiss Kiss Napoli.
10.07.2020 18:10 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
"Napoli non perse lo scudetto in tv!", Cobolli Gigli attacca Sarri: "Davanti alle ingiustizie non serve piagnucolare..."

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, è intervenuto nel corso di 'Radio Goal', trasmissione in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: "Per me è stato un errore convincere Agnelli a rinunciare Allegri. E anche proporre un allenatore come Sarri, reduce dall'ottimo lavoro di Napoli e Chelsea, ma che non aveva vinto lo scudetto e non l'aveva perso davanti alla televisione come diceva".

Subentra Valter De Maggio, che ricorda il disastro arbitrale di quell'Inter-Juventus: "Se Orsato avesse espulso Pjanic forse staremmo parlando di qualche altra cosa". La replica immediata di Cobolli Gigli: "A patto che quella sia un'ingiustizia, anche le ingiustizie si possono ritrattare sul campo, non ci si mette a piagnucolare. La Juventus ha avuto, come altre squadre, dei favoritismi. Ma la causa della perdita dello scudetto è che la squadra non è riuscita a fare una prestazione buona e vincere con la Fiorentina".