Pazienza: “Il pranzo di squadra ha compattato il gruppo, Demme fondamentale"

Nel corso di Kiss Kiss Napoli è intervenuto l’ex giocatore del Napoli Michele Pazienza, analizzando la vittoria del Napoli sulla Fiorentina.
18.01.2021 18:50 di Francesco Carbone   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Pazienza: “Il pranzo di squadra ha compattato il gruppo, Demme fondamentale"

Nel corso di Kiss Kiss Napoli è intervenuto l’ex giocatore del Napoli Michele Pazienza, analizzando la vittoria del Napoli sulla Fiorentina. Ecco quanto evidenziato:

Sul pranzo di squadra: “Come si dice che la testa a volte aiuta le gambe è vero. Dico anche per esperienza personale perché nel momento in cui sei libero mentalmente sereno riesci a dare il 100% di quelle che sono le tue potenzialità e quindi in questi casi si preferisce magari fare un allenamento in meno ma andare a cercare la serenità, le situazioni in cui un gruppo può trovare la giusta armonia. Ne vale veramente la pena oggi.

Da giocatore del Napoli avresti qualche rammarico per la stagione fatta finora e i punti persi?: Più che rammarico cercherei di capire cosa mi manca per la continuità, quella continuità di risultati anche nelle mura amiche che un po' manca e che probabilmente ha penalizzato eccessivamente la classifica".

Con Demme e Bakayoko a centrocampo senza Fabian Ruiz: “Sicuramente Demme è un giocatore che per caratteristiche in maniera naturale dà equilibrio alla squadra in cui gioca. Se a questo ci aggiungiamo anche Bakayoko, secondo me anche in virtù della partita di ieri sera della Juve dove ha sofferto principalmente a centrocampo, io qualche riflessione sul far giocare più Demme la farei”.

Sulla Juve: "Secondo me ieri la Juve l’ha persa a centrocampo la partita, in altre situazioni c'è il centrocampo che mantiene e ti garantisce l'equilibrio giusto. Quel reparto secondo me è fondamentale e fai fatica se non è in giornata, poi a questo ci aggiungi che ieri anche i fuoriclasse della Juve non hanno in nessun modo impensierito la difesa dell'Inter. L’Inter ha meritato la vittoria".

Su Diego Demme: "Mi piace perché è capace di mantenere le distanze, di esserci sempre nel posto giusto al momento giusto e poi riesci a far ripartire l'azione con una semplicità e con una naturalezza disarmante. Questi sono giocatori preziosi nelle squadre perché riescono a dare sempre qualcosa in più anche ai compagni". 

Sulle difficoltà della Juve di ieri: "Se vai in difficolta a centrocampo è chiaro che fai fatica perché quella zona del campo ti dà l'opportunità di rimanere dentro la partita fino al 95’ e la Juve ieri non è riuscita a farlo perché il centrocampo è stato inesistente fino al 95esimo".