Spezia, Verde: “Tifo Napoli, se dovesse arrivare una chiamata non potrei mai rifiutare”

Queste le parole di Daniele Verde, calciatore dello Spezia, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione in onda su 1 Station Radio
18.05.2021 16:00 di Francesco Carbone   Vedi letture
Spezia, Verde: “Tifo Napoli, se dovesse arrivare una chiamata non potrei mai rifiutare”
TuttoNapoli.net
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

“La rovesciata contro la Lazio? Mi resterà per sempre dentro l’emozione di quella prodezza, e non dimenticherò mai quando Pepe Reina è venuto a congratularsi con me - queste le parole di Daniele Verde, calciatore dello Spezia, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione in onda su 1 Station Radio -.Spezia? È stata una stagione importante: per come eravamo partiti, credevo ci saremmo salvati con largo anticipo, ma la Serie A è il campionato più difficile e, dunque, è stato un grande risultato esserci salvati con una giornata di anticipo. Grazie a mister Italiano siamo riusciti a sfatare il mito che le squadre cosiddette piccole non possano mostrare un bel calcio.

Futuro? Per ora sono ufficialmente un calciatore dello Spezia: con la salvezza è scattato il riscatto automatico, poi si vedrà in futuro. Sono molto orgoglioso dell’esperienza che ho maturato finora, ho girato molto nonostante abbia solo 24 anni. Cercherò di affermarmi qui anche per dare stabilità alla mia famiglia, anche se il mio sogno resta quello di approdare in una big. Sono di Napoli e sono un tifoso del Napoli, se dovesse arrivare una chiamata non potrei mai rifiutare, andrei a giocarmi le mie carte. Napoli-Verona? Non sarà una passeggiata per gli azzurri, i gialloblù hanno dimostrato solidità e caparbietà. Juric è uno che non molla mai, sarà sicuramente una bella partita.

Zaccagni? Ci ho giocato insieme proprio a Verona, è esploso di botto e credo sia pronto per approdare in una grande piazza. Mister Italiano? Gioca un grande calcio, lo ha dimostrato qui a La Spezia e credo sia prontissimo per esportare le sue idee in un grande club. Perché ho fatto le giovanili nella Roma e non nel Napoli? Non so cosa manchi alla società di Adl a livello di settore giovanile, ma siamo in tanti ad essere andati via da giovanissimi”.