AUDIO - L'ex azzurro Fontanella: "La nostra rovina è stata Sarri"

Mario Fontanella, ex attaccante delle giovanili del Napoli, attualmente in forza al Valletta, squadra di Malta, ha parlato ai microfoni di Tmw Radio.
13.04.2021 23:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
AUDIO - L'ex azzurro Fontanella: "La nostra rovina è stata Sarri"
TuttoNapoli.net
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Mario Fontanella, ex attaccante delle giovanili del Napoli, attualmente in forza al Valletta, squadra di Malta, ha parlato ai microfoni di Tmw Radio, iniziando dallo stop del campionato locale: "Purtroppo succede per il secondo anno di fila... Diciamo a causa della pandemia, anche se a dire la verità i dati sono bassissimi. C'era addirittura un regolamento per evitare i casini dello scorso anno, ma è successo comunque. Per me è stata una stagione difficile, iniziata con un infortunio. Qua poi se hai tre positivi, l'intera squadra va in quarantena. L'abbiamo fatta tutti dal 3 al 15 gennaio: io ho fatto un allenamento, poi mi son ritrovato positivo. In tutto quindi 50 giorni di quarantena, e ora che stavo entrando in condizione mi hanno fermato il campionato... A livello di squadra ne abbiamo risentito parecchio. Pensare di farmi altri 4-5 mesi senza giocare per uno come me è disastroso, si fa dura. Io ho ancora un contratto col Valletta ma stiamo cercando una squadra per mandarmi a fare qualche partita in prestito, ma per adesso attendo e basta. Sono qua con la famiglia, ormai sono maltese".

Fiducioso che il Napoli arrivi in Champions?
"Sempre, a prescindere. I giocatori sono forti ma penso ci siano squadre più attrezzate e in questo momento più forti per lottare per quei posti. Spero ci arrivino ma credo sarà veramente dura. L'Inter ormai è andata per tutti, e vince sicuramente. La Juventus si sapeva che con un allenatore esordiente non avrebbe avuto vita facile... Il problema del Napoli è che siamo abituati ai tre anni di Sarri, e adesso a vederlo così sembra sempre non vada bene. La nostra rovina è stata Sarri, ci faceva giocare troppo bene".