Ottimo Verona, ma Napoli ancora solido e stavolta a segno: ecco la reazione alle polemiche

Il Napoli ritrova i gol e - confermando la solidità difensiva con la terza gara di fila senza subire reti - torna alla vittoria.
20.10.2019 10:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Antonio Gaito per Tuttomercatoweb.com
© foto di www.imagephotoagency.it
Ottimo Verona, ma Napoli ancora solido e stavolta a segno: ecco la reazione alle polemiche

Il Napoli ritrova i gol e - confermando la solidità difensiva con la terza gara di fila senza subire reti - torna alla vittoria. La squadra di Ancelotti soffre non poco nel primo tempo contro un bel Verona, che conferma l'ottimo momento e l'organizzazione in stile Atalanta con tanti duelli individuali a tutto campo, ma gli azzurri mostrano di saper anche soffrire, di aver reagito nel migliore dei modi alle tante polemiche della vigilia e di volere davvero iniziare questo ciclo di gare col piede giusto.

Il calcio offre sempre nuovi scenari, propone valutazioni spesso complesse, ed è il caso della vittoria sul Verona. Le prove con Cagliari e Genk furono criticate aspramente, chiaramente per i risultati pur creando tanto e concedendo poco o nulla, mentre il Napoli esce con i tre punti dalla gara col Verona creando pochissimo fino al gol e subendo decisamente di più (ancora decisivo Meret con un triplo intervento sullo 0-0). La differenza è tutta nella prova di Arek Milik, finalmente in crescita di condizione dopo l'infortunio: al primo vero tiro verso la porta, il polacco da opportunista trova il vantaggio che incanala la partita. Da rapinatore d'area anche il raddoppio e questa è anche la migliore notizia per Ancelotti, dopo tre gare nelle ultime quattro senza concretizzare. Al bomber classe '94 non sono mai mancati i gol in grande stile, spesso con la qualità del suo sinistro, ma spesso sono mancati proprio quelli sporchi che sono arrivati col Verona. Ora ad Ancelotti la scelta in vista della trasferta delicatissima di Salisburgo: dare fiducia a Milik in coppia con Mertens, tenuto a riposo inizialmente a favore di Younes, oppure insistere con Lozano e dare priorità ad un discorso di caratteristiche dell'avversario che, con la difesa altissima, soffre l'attacco alla profondità.