Perché il Napoli sarebbe disposto a salutare Llorente così presto

Certe storie nascono, crescono e muoiono in un battito di ciglia. Altra chiave di lettura dell'operazione con l'Inter per Politano.
23.01.2020 21:55 di Pierpaolo Matrone Twitter:    Vedi letture
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
Perché il Napoli sarebbe disposto a salutare Llorente così presto

Certe storie nascono, crescono e muoiono in un battito di ciglia. Colpa delle contingenze, di quello che era ed improvvisamente s'è trasformato in qualcosa di opposto. Fernando Llorente in estate era senza squadra, aveva più di una richiesta e alla fine ha deciso di raggiungere Napoli. Tra i free agent dello scorso mercato era tra i più appetiti, ma grazie alle telefonate di Ancelotti e alla corte di Giuntoli s'è vestito d'azzurro. A lui e al suo agente era stato prospettato un progetto chiaro: l'ex Juventus doveva essere l'alternativa a Milik, spesso fermato da problemi fisici, ma soprattutto rappresentava un'opzione diversa, perfetta per il calcio liquido di Ancelotti in cui gli spazi tra le linee diventano fondamentali per gli inserimenti e le sue sponde avrebbero potuto favorirli. Considerando che quel Napoli giocava con il 4-4-2, il suo acquisto era giusto anche per questioni numeriche: Milik, Mertens, Lozano e proprio Llorente erano per Carletto i quattro attaccanti centrali della squadra, tutti diversi tra loro per non dare punti di riferimento agli avversari. Dal momento dell'avvicendamento in panchina, però, non poteva essere più come prima.

GATTUSO E LE COPPIE - Dall'approdo di Gattuso però è cambiato tutto. Adesso il Napoli schiera un solo attaccante puro, capace di venire incontro e dialogare coi compagni negli spazi stretti. In una squadra corta Llorente ha difficoltà perché può sfruttare relativamente il suo fisico ed è costretto a muoversi in un fazzoletto. Fernando, con i suoi 195 centimetri, non si sposa bene con il tipo di calcio che vuole Gattuso ed è da qui che nasce l'idea dello scambio con Politano dell'Inter. Nel gioco delle coppie che tanto piace a Rino il Re Leone non ha più spazio: Mertens è considerato ancora un centravanti e per questo è lui la vera alternativa di Milik. Se Politano dovesse approdare alle pendici del Vesuvio, per Fernando potrebbe non esserci più posto: lui e Callejon la coppia di destra, Insigne e Lozano la coppia di sinistra, Milik e Mertens quella centrale. Sei calciatori per tre maglie e il settimo, Llorente, è per caratteristiche quello più sacrificabile. Va letta anche in questo senso l'operazione imbastita con l'Inter: ecco perché il Napoli sembrerebbe disposto a darlo via appena sei mesi dopo il suo arrivo.