Ancelotti in conferenza: "Nessuno può essere al top ora, ma difficoltà di filtro anche per i tanti gialli. Alcune costruzioni perfette..."

24.08.2019 23:46 di Antonio Gaito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Tmw
© foto di www.imagephotoagency.it
Ancelotti in conferenza: "Nessuno può essere al top ora, ma difficoltà di filtro anche per i tanti gialli. Alcune costruzioni perfette..."

Carlo Ancelotti a breve interverrà in conferenza stampa dopo la vittoria per 4-3 ottenuta sul campo della Fiorentina. Una gara pirotecnica, piena di episodi, che l'allenatore azzurro spiegherà nell'incontro con la stampa all'interno dello stadio Franchi.

Soddisfatto della prestazione?
"E' stata una bella partita. La Fiorentina ha fatto meglio nella prima parte e noi l'abbiamo raddrizzata. Non abbiamo fatto bene in difesa, mentre abbiamo fatto bene in attacco. Dobbiamo bilanciare meglio".

Il concetto di gioco espresso è giusto?
"L'approccio era quella di pressare alto ma siamo arrivati in ritardo nella prima parte. Il concetto però è quello. Ci può dare dei vantaggi".

C'è stato poco filtro in mediana, è una questione atletica?
"Ci sono due aspetti: non c'era buona sincronia tra i reparti e la seconda non dobbiamo sottovalutare che avevamo tre giocatori ammoniti. Non abbiamo fatto fallo per evitare l'espulsione. La condizione atletica? E' buona anche se nessuna squadra è al top ora".

Gli episodi da rigore?
"Li ha visti la VAR. Io non li ho visti".

I cori beceri?
"Io ho sentito quelli che hanno fatto a me e non erano territoriali ma personali. E' stata una vergogna. E' un tifo per il quale simpatizzo perché mio padre era un grandissimo tifoso della Fiorentina. Oggi hanno fatto la selezione di quelli dietro di me per insultarmi".

Del Napoli per l'assalto al titolo, cosa ha già visto?
"Mi piace molto la qualità espressa nella costruzione del gioco da dietro. In un paio di occasioni siamo stati perfetti e spesso pericolosi".

Insigne trascinatore?
"E' in un momento di grazia e spero che sia la normalità. Può incidere così in tutte le partite".

Si è spaventato quanto è entrato Ribery?
"Nonostante gli anni rimane un calciatore molto pericoloso. Qui farà molto bene. Lo vedo motivato ed è stato accolto molto bene. L'affetto della gente è molto importante per lui".