Spalletti per fare 5 cambi con la Juve dovrà indossare nuovamente le scarpe da calcio

Ad oggi sarebbero appena 11 i giocatori di movimento a disposizione, la speranza del tecnico è quella di recuperare Fabiàn e Insigne in vista del match di giovedì.
03.01.2022 08:35 di Arturo Minervini Twitter:    vedi letture
Spalletti per fare 5 cambi con la Juve dovrà indossare nuovamente le scarpe da calcio
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

È chiaramente una provocazione, ma non solo. È una riflessione sul momento di caos che vive il nostro calcio, con un Napoli ridotto all'osso e che senza attingere dalla Primavera rischia di andare a Torino senza poter fare nemmeno tutti i cambi. “Con i cinque cambi 5 si può cambiare il 50% della squadra e si può ribaltare il risultato”. Ne era convinto Luciano Spalletti nelle scorse settimane, evidenziando come la nuova regola avesse avuto un impatto poderoso sul calcio e sul modo di gestire una gara durante lo svolgimento. 

Dovesse esprimersi oggi sul tema, nella settimana che porta a Juventus-Napoli, sarebbe molto più sintetico e laconico: “I cinque cambi? Averceli!”. Sì perché nel momento paradossale in cui traghetta il calcio, il tecnico si appresta a vivere una gara in cui potrà fare affidamento su un numero ristretto di calciatori, al punto da non riuscire nemmeno a poter fare i cinque cambi in caso di necessità.

Ad oggi sarebbero appena 11 i giocatori di movimento a disposizione, la speranza del tecnico è quella di recuperare Fabiàn e Insigne in vista del match di giovedì. Le sensazioni sono positive e la speranza è quella di recuperare anche Malcuit e Petagna, finiti in isolamento per essere stati a contatto con un positivo. Insomma, dovesse giocarsi oggi il match con la Juve, Spalletti per potersi giocare le cinque carte a gara in corso (senza fare ricorso alla Primavera) dovrebbe indossare le scarpe da calcio (come aveva fatto a San Siro in occasione della gara vinta col Milan) e pensare di riprendere un discorso interrotto nel 1993, quando aveva interrotto la sua carriera da centrocampista.