Il punto di Venerato a TN: "Contatto Sarri-ADL durante la sosta, ottimismo per il rinnovo! La verità su Alisson e una certezza sulla lotta scudetto..."

17.03.2018 10:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 19341 volte
Il punto di Venerato a TN: "Contatto Sarri-ADL durante la sosta, ottimismo per il rinnovo! La verità su Alisson e una certezza sulla lotta scudetto..."

"Conoscendo l'abitudine della Juventus a gestire emozioni e momenti, compreso questo difficile sorteggio con il Real, non mi iscrivo al partito degli ottimisti. Credo che i bianconeri abbiamo buonissime possibilità di vincere lo scudetto". Così Ciro Venerato, giornalista della Rai, intervistato da Tuttonapoli. 

Quante possibilità dai agli azzurri ora che è a -4 dalla Juventus? "I bianconeri difficilmente sbagliano in prossimità del traguardo. Non so se il Napoli farà 100 punti, ma sicuramente li lambirà e per questo va comunque applaudito, pure se alla fine arrivasse secondo. Prima di Lazio-Juve io davo il 51% di possibilità scudetto ai bianconeri e il 49% agli azzurri. Oggi dico che la squadra di Allegri ha l'85% di possibilità di portare a casa il titolo e al Napoli resta un 15%".

Lo scontro diretto può cambiare le sorti di questa sfida? "Dipende come ci arriva. E' vero che la Juventus dopo lo scontro diretto deve sfidare Inter e Roma, ma sono convinto che se ai bianconeri serviranno punti per lo scudetto contro queste due squadre, li farà. Ma soprattutto prima della sfida dello Stadium gli azzurri devono giocare a Milano e contro questo Milan, che secondo me in questo momento è più competitivo dell'Inter, non è facilissimo vincere. Quindi lo scontro diretto assumerà una rilevanza diversa a seconda del distacco con cui ci arriverà il Napoli. Se dovesse andare allo Stadium con 5-6 punti in meno, la vittoria a Torino cambierebbe poco".  

Che Napoli ti aspetti contro il Genoa e nel prosieguo del campionato? "Chi pensa ad un Napoli dimesso sbaglia, sono sicuro che in questa parte finale del campionato gli azzurri faranno moltissimi punti. Anche se ha fatto un solo punto in due partite, con Roma e Inter il Napoli non mi ha dimostrato di essere una squadra morta. Con la Roma gli azzurri non meritavano di perdere, ha fatto 4 cavolate decisive. A Milano la squadra di Sarri è stata meno incisiva del solito, ma la prestazione è stata positiva. Non ci sono elementi per pensare ad un Napoli depresso. Ripeto, gli azzurri sfioreranno i 100 punti e potrebbero pure raggiungerli, ma credo che non basteranno. C'è chi pretende lo scudetto da Sarri e non capisco perchè. Il Napoli è la formazione dell'anno scorso, che è arrivata terza, ma priva di Ghoulam. Gli acquisti sono stati Ounas, Mario Rui, Milic e Machach".

C'è rammarico, a questo punto, per la gestione delle coppe europee?  "Con il senno del poi sono bravi tutti. Con la rosa a disposizione si poteva puntare su un solo obiettivo per avere possibilità di giocarsela. Allegri dalla gara con il Tottenham  a quella con l'Udinese ha cambiato sei giocatori e non è cambiato, di fatto, nulla. Se Sarri cambia sei giocatori non ottiene gli stessi risultati. Questo deve essere da monito per la società per rinforzare la panchina il prossimo anno". 

Ecco, guardiamo un attimo al futuro. Durante la sosta ci sarà l'incontro ADL-Sarri per il rinnovo del tecnico? "Sicuramente ci sarà un contatto. Non sappiamo se telefonico o de visu. Il tecnico sta valutando i pro e i contro. E' in corsa per la panchina del Chelsea e piace anche al Monaco, credo che ai monegaschi sia stato suggerito da Mendes che collabora con loro. Questo non vuol dire che vada via. Una cosa è essere in lizza per questi due club e altra è essere ingaggiato da questi due club. Il contatto con De Laurentiis durante la sosta, comunque, credo che sarà interlocutorio e non sarà definitivo. Si capiranno, però, le richieste di Sarri e le proposte di De Laurentiis. Su questo aspetto, però, sono ottimista".

Possibilità di arrivare ad Alisson? "Non mi risulta un'offerta da 40 milioni per Alisson. E' un giocatore che piacerebbe, ma non credo che la Roma lo dia al Napoli. Credo che Alisson o sarà confermato dai giallorossi, o andrà in Premier. E' una suggestione, al momento la strada più concreta porta a Leno".