TN - Chievo, l'ex D'Anna: "Napoli deludente, domani c'è il rischio di pensare al ritorno! Chievo senza nulla da perdere, stagione nata male e finita peggio..."

13.04.2019 08:50 di Fabio Tarantino Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
TN - Chievo, l'ex D'Anna: "Napoli deludente, domani c'è il rischio di pensare al ritorno! Chievo senza nulla da perdere, stagione nata male e finita peggio..."

Il Chievo Verona, che domani pomeriggio affronterà il Napoli, è ad un passo dalla Serie B. Una stagione sfortunata, delicata, condizionata dalla penalizzazione, dal caos estivo, dalle difficoltà sul mercato, dai continui cambi d'allenatore. Il primo è stato Lorenzo D'Anna, esonerato dopo aver raccolto due punti in otto giornate. Colpe solo relative, le sue, per un'annata - racconta l'allenatore a Tuttonapoli.net - "che è nata storta e che si sta concludendo nel peggiore dei modi".

Il Chievo, per valori tecnici, è da ultimo posto? "Forse no, ma i punti di penalizzazione e il dubbio sull'iscrizione hanno condizionato il mercato estivo e, di conseguenza, tutta la stagione. Dispiace, ma forse al Chievo un'annata del genere servirà per ripartire dalla Serie B e ricominciare". 

Domani il Napoli, reduce dal ko di Londra. Si aspettava una gara simile? "Mi aspettavo l'Arsenal così forte ma anche un Napoli diverso. Secondo me è stato sorpreso dall'atteggiamento degli avversari, da questo pressing feroce, alto, che non gli ha lasciato spazio e li ha costretti a due evitabili errori in uscita".

Con che spirito il Napoli affronterà il Chievo Verona? "Il rischio, comprensibile, potrebbe essere quello di spostare l'attenzione alla gara di ritorno, ma la rosa è ampia e Ancelotti potrà sostituire diversi giocatori senza perdere qualità in ogni reparto". 

Il Chievo, proprio domani, potrebbe salutare aritmeticamente la Serie A. "Non avrà nulla da perdere e giocherà senza pressioni. Anche questo potrebbe essere un potenziale ostacolo, per il Napoli. Ma alla fine la loro qualità verrà fuori".

Chi dovrà temere, il Napoli? "Il Chievo ha tanti giocatori d'esperienza, come Sorrentino e Pellissier, ma in questo momento è stata fatta una scelta, ovvero quella di puntare sui giovani del vivaio, che ho conosciuto, ed è una strategia corretta anche in vista del futuro". 

Il giovane Kiyine era stato accostato al Napoli. "È un giocatore di grandissima qualità, ma ancora un po' acerbo. Per il Napoli potrebbe essere un buon acquisto in prospettiva, ma oggi la società ha bisogno di giocatori diversi per qualità ed esperienza". 

Al Chievo Verona, lo scorso anno, ha conosciuto anche Inglese. "Già in estate dissi che poteva far parte della rosa del Napoli. Ho avuto la fortuna di allenarlo, è un attaccante di razza che al Parma si è confermato. Per qualità può ambire anche all'altra maglia azzurra, quella della Nazionale".