La Giovane Italia – Iaccarino, un piccolo Torreira nel futuro azzurro

20.05.2020 19:00 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
La Giovane Italia – Iaccarino, un piccolo Torreira nel futuro azzurro

Nel Napoli Under 17 sta crescendo un giovane centrocampista, che a suon di ottime prestazioni e di paragoni illustri si sta facendo strada come uno dei profili più promettenti del vivaio azzurro. Gennaro Iaccarino è uno dei tanti talenti che si stanno mettendo in vetrina con la “classe dei 2003”, una nidiata capace di regalare al club grandi soddisfazioni sul campo e di aprire prospettive interessanti con vista sul futuro.

Licenza di colpire – Iaccarino stava vivendo la sua terza stagione a Frattamaggiore, prima dello stop ai campionati che ha sancito la chiusura anticipata per il 2019/20 del calcio giovanile. Un’annata, quella con l’Under 17 di mister Carnevali, che stava confermando le attese sul conto del giovane centrocampista, pescato nel 2017 dalla scuola calcio “Victoria Marra” di Scafati. Con diciotto presenze impreziosite da quattro reti, Iaccarino è stato uno dei trascinatori dell’Under 17 azzurra, all’interno di un gruppo che stava nuovamente ben figurando dopo la semifinale Scudetto raggiunta nel campionato Under 15 e gli ottavi centrati in Under 16. Un apporto importante in termini di qualità e di fatturato realizzativo, numeri notevoli per un metronomo di centrocampo con licenza di colpire, e che lo scorso anno gli hanno permesso di affacciarsi anche alle nazionali giovanili, con la convocazione per il Torneo dei Gironi Under 16.

Piccolo Torreira - Regista capace di dettare i tempi del gioco, ma anche mezzala in grado di accorciare e mettere ordine in mediana, Iaccarino è stato accostato a Lucas Torreira, per caratteristiche tecniche e fisiche che ricordano quelle dell’uruguaiano dell’Arsenal, finito anche nel mirino del Napoli nelle ultime sessioni di mercato. Destro naturale, con un ottimo calcio che utilizza per rendersi pericoloso anche nella battuta dei calci piazzati, col suo moto perpetuo il classe 2003 riesce ad essere un vero e proprio uomo ovunque nel centrocampo azzurro. Una caratteristica, questa, che lo rende molto efficace anche in fase di riconquista del pallone, oltre che nelle vesti abituali di “sarto” della manovra. Molto educato e rispettoso dei ruoli, Gennaro mostra una cultura del lavoro invidiata dai coetanei. L’impegno e l’attenzione in allenamento sono massimi, con l’obiettivo di limare i difetti del suo gioco e, in particolare, di trovare ancora maggiore continuità all’interno della gara, per arrivare a non concedersi pause nei novanta minuti. Il Napoli monitora con attenzione il suo percorso di crescita: il regista del futuro, infatti, potrebbe essere già in casa. 

Scopri le schede dei talenti azzurri sull’Almanacco 2020 

Scopri gli azzurri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI