Ferlaino: "Sono stato il carceriere di Diego, buttai via l'assegno di Tapie. Non volevo venderlo"

Parla così un commosso Corrado Ferlaino di Diego Armando Maradona, con l'ex presidente del Napoli che si racconta al Corriere dello Sport.
26.11.2020 08:27 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di TUTTOmercatoWEB.com
Ferlaino: "Sono stato il carceriere di Diego, buttai via l'assegno di Tapie. Non volevo venderlo"

"Ho detto e lo ripeto: sono stato il suo carceriere. E un genio del genere, ad un certo punto, ovviamente vuole essere liberato dai lacci o da quella che sembra sia diventata una prigione". Parla così un commosso Corrado Ferlaino di Diego Armando Maradona, con l'ex presidente del Napoli che si racconta al Corriere dello Sport.

"Cerca nuove ispirazioni in altre terre. Da Marsiglia, Tapie mi disse: ti mando l’assegno firmato, ci metti tu la firma. E io, quando arrivò la busta strappai tutto. Non mi interessava venderlo, non avevo alcuna intenzione, anche se intuivo che quell’epoca prima o poi sarebbe finita. Ma ce la siamo goduti finché abbiamo potuto e abbiamo rivinto pure il campionato".