Giuntoli a Dazn: “Grande emozione ritrovare il Napoli. Juve? L'ho scelta per una crescita professionale”

Cristiano Giuntoli, direttore sportivo della Juventus, ha parlato ai microfoni di Dazn prima della gara di questa sera contro il Napoli.
08.12.2023 20:25 di Francesco Carbone   vedi letture
Giuntoli a Dazn: “Grande emozione ritrovare il Napoli. Juve? L'ho scelta per una crescita professionale”
TuttoNapoli.net
© foto di Federico De Luca 2023 @fdlcom

Cristiano Giuntoli, direttore sportivo della Juventus, ha parlato ai microfoni di Dazn prima della gara di questa sera contro il Napoli. Una gara che, ovviamente, lo mette di fronte al suo recente passato, avversaria la squadra con cui ha vinto lo scudetto solo pochi mesi fa: "C'è sicuramente una grande emozione, rivedere tanti ragazzi che hanno condiviso con me una parte della mia vita fa piacere ed è molto emozionante".

Un'opinione sugli aggiornamenti sul caso Pogba?
"Aspettiamo l'ultimo grado di giudizio prima di dire la nostra, poi ci confronteremo con il suo entourage".

Cosa vi siete detti con Kvara e Osimhen al Gran Galà del calcio?
"Mi ha fatto piacere rivederli, ci siamo salutati. La vita è questa, sto pensando al mio presente e al mio futuro alla Juventus".

Qual è la prima differenza tra l'ambiente Napoli e l'ambiente Juve?
"La Juventus è un club molto seguito nel mondo, c'è una pressione mediatica superiore. Noi dirigenti dobbiamo cercare di interagire al meglio e questo stiamo facendo".

Una visione su Chiesa?
"Federico si può esprimere sia da seconda punta che da esterno. Il mister lo sta utilizzando al meglio, facendolo partire di seconda punta ma molto sulla sinistra".

Lo vedremo così anche stasera?
"Stiamo facendo un percorso importante, ma è presto. Dobbiamo pensare partita dopo partita e in questo momento guardare il quarto posto".

La scelta di quest'estate è stata anche dovuta alla sua fede bianconera?
"Una crescita professionale. Quando pensi di aver dato tutto, le motivazioni sono fondamentali. La Juventus è un grande club, al di là della fede di mio padre e mia, e sono contento di essere qui".