Criscitiello su Manna: "Voleva cedere Di Lorenzo! Non è da Napoli, sta già facendo i disastri!"

Michele Criscitiello, direttore di Sportitalia, durante SportitaliaMercato ha approfondito la questione Giovanni Di Lorenzo
12.06.2024 10:00 di  Francesco Carbone   vedi letture
Criscitiello su Manna: "Voleva cedere Di Lorenzo! Non è da Napoli, sta già facendo i disastri!"
TuttoNapoli.net

Michele Criscitiello, direttore di Sportitalia, durante SportitaliaMercato ha approfondito la questione Giovanni Di Lorenzo: “Conte ha chiamato Di Lorenzo, ma il giocatore ha ribadito di voler andare via. Il popolo napoletano non lo vuole più anche perchè non sta andando all’Atalanta ma alla Juve. Nel summit di oggi si sono detti che fino al 30 giugno faranno le brave persone e poi dal 1 luglio inizierà la guerra di mercato. Il problema adesso è che Di Lorenzo a Napoli non può più giocare, mettetevelo in testa. Abbiamo capito, sappiamo che ha l’accordo e vuole giocare con la Juve, De Laurentiis ha detto già una volta di portargli un’offerta perchè nessuno è incedile - e l’hanno portata l’offerta - .

Manna si è preso la briga di andare dal giocatore e gli ha detto che può andare. Oggi si è presentato all’incontro solo perché alla sua sinistra c’è Antonio Conte e dice di volerlo adesso. Manna è un direttore inesperto, con che faccia si è presentato oggi al summit e dice che Di Lorenzo deve restare perchè Conte diceva di volerlo quando invece appena arrivato ha subito detto che doveva andarsene.

Il problema è che Manna già sta facendo i disastri, non è un direttore da Napoli. Alla Juventus poteva fare il braccio destro di chi volete ma non può fare il direttore del Napoli. Vi sembra normale che un ds debba presentarsi con la balia? Va bene che sei Antonio Conte, ma col procuratore ci deve parlare l’allenatore? Conte aveva detto che Di Lorenzo e Kvara erano imprescindibili e De Laurentiis pur di farlo firmare gli ha detto che ci avrebbe pensato lui. Lì ha sbagliato perchè gli doveva dire che con Di Lorenzo la strada era già segnata. Conte ha voluto quest’incontro per capire quello che non sapeva, la storia non gliel’hanno raccontata ed è stato già il primo problema che ha trovato dopo due minuti che è arrivato a Napoli”.