Gianni Di Marzio: "Il Napoli va rifondato, non solo ristrutturato. Granada? Subiti gol imbarazzanti"

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live" è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore, per commentare il k.o. degli azzurri.
26.02.2021 17:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Gianni Di Marzio: "Il Napoli va rifondato, non solo ristrutturato. Granada? Subiti gol imbarazzanti"
TuttoNapoli.net

A Radio Marte nel corso della trasmissione "Marte Sport Live" è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore, per commentare il k.o. degli azzurri: "In rapporto alle ultime prestazioni, specialmente di reparto, bisogna dire che il Napoli aveva iniziato benino. Elmas a sinistra? Lì non può giocare, così come anche Di Lorenzo non può giocare a 5, in particolare lui sembra in regressione. Gli ultimi gol presi dipendono quasi tutti da lui, Rrahmani e Maksimovic. Oggi purtroppo non si allenano più i difensori, tutti gli allenatori giovani sono fissati con il gioco dalle retrovie e si usano termini che nemmeno i giocatori capiscono. Abbiamo preso dei gol disarmanti. Oggi ogni allenatore si porta dietro 8-9 persone di staff ed è una vergogna perché poi si mette con le mani dietro e sta a guardare. Vogliono giocare tutti da dietro ma se non si hanno piedi, giocatori e certezze cosa ti metti a fare? Alza la palla 40 metri avanti.

L'allenatore deve sempre e comunque collaborare con la società. Costruire una squadra non è facile e la società deve fare sempre i conti in tasca. Bisogna capire anche come giocare. Se ora qualche giocatore (e più di uno) non è stato all'altezza del Napoli va detto. Onestamente negli ultimi tempi la squadra è in confusione. Poi ci sono i responsabili che devono decidere. Osimhen? Doveva stare qui a curarsi, non doveva andare in Nigeria. E' stato pagato una cifra stratosferica ma gli mancano i fondamentali. Il Napoli è da rifondare e non da ristrutturare. Ci sono buonissimi giocatori in giro per il mondo ma bisogna arrivare in tempi perché i grandi club si stanno già muovendo".