Santacroce: "Ecco i due ruoli scoperti nel Napoli

Temo per il rinnovo di Insigne: Lorenzo merita di più”
23.06.2021 12:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
Santacroce: "Ecco i due ruoli scoperti nel Napoli
TuttoNapoli.net
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

“Sostituto di Koulibaly? Bisognerebbe andare a cercare un centrale di piede mancino puro, perché al Napoli sono tutti destri e giocare a piede invertito fa perdere un tempo di gioco - queste le parole di Fabiano Santacroce, ex calciatore, fra le tante, di Napoli e Parma, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione in onda su 1 Station Radio.

"Bisogna capire anche chi ci sarà come terzino, perché abbiamo visto che uno come Hysaj, anche lui impiegato a piede invertito, è andato in grossa difficoltà nella passata stagione e, ironia della sorte, nelle migliori prestazioni ha fatto gli errori peggiori: mi riferisco a Cagliari e Hellas Verona. Peccato che gli azzurri abbiano fallito l’ultima gara di campionato, avrebbero meritato la Champions. Terzino sinistro? Bisogna capire qual è il budget. Credo che prenderanno un calciatore che possa alternarsi a Mario Rui, che non è così malvagio nonostante gli errori commessi. Gattuso? Ha dimostrato di essere all’altezza del compito in una stagione difficile per tutti. Anche lui ha fatto qualche errore, ma è giovane è può solo crescere. Personalmente, avrei puntato su di lui anche per la prossima stagione.

Cos’è accaduto tra Fiorentina e Tottenham? Noi conosciamo solo il 30%, dobbiamo limitarci ai giudizi sul campo proprio per questo motivo. In questo momento Rino sta pagando lo scotto di essere rappresentato da uno dei migliori procuratori del mondo. Sono più deluso dal comportamento di Donnarumma, che sarebbe potuto diventare una bandiera. In tema di bandiere, ho paura per il futuro di Lorenzo Insigne: merita qualcosa in più, ma si accontenterebbe anche dello stesso ingaggio pur di restare al Napoli. La società non può permettersi di portare a scadenza il proprio capitano che, tra l’altro, è anche il 10 della Nazionale, oltre che uomo simbolo.

Emerson Palmieri? Nome importante che potrebbe aiutare la squadra di Spalletti. Italia? Fino ad ora ha dimostrato tanto, ma bisogna tenere i piedi ben ancorati a terra. Futuro? Sto già lavorando come procuratore, per il momento ho il patentino che mi consente di farlo all’estero. Voglio diventare un punto di riferimento per i miei ragazzi e fargli capire l’importanza di questo sport, più che della bella vita che i guadagni ti consentirebbero di fare. Perché non ho scelto di fare l’allenatore? Tutti i miei ex compagni che sono diventati mister, sono invecchiati subito. Avevo paura di diventare rugoso come Morgan Freeman”.