Che show azzurro: ora la pressione è tutta sulle rivali

Altro show del Napoli che rifila cinque reti all'Udinese, dopo le quattro allo Spezia, e vola al secondo posto in classifica, in attesa delle sfide delle rivali.
12.05.2021 11:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Antonio Gaito per TMW
Che show azzurro: ora la pressione è tutta sulle rivali
TuttoNapoli.net
© foto di Insidefoto/Image Sport

Altro show del Napoli che rifila cinque reti all'Udinese, dopo le quattro allo Spezia, e vola al secondo posto in classifica, in attesa delle sfide delle rivali. L'attenzione sarà rivolta in particolare all'impegno della Juventus sul campo del Sassuolo, che potrebbe dare più serenità ai partenopei nelle prossime due sfide, ma in ogni caso il destino resterà nelle mani del Napoli. Ed a dare fiducia in questa corsa Champions e le ultime due finalissiome con Fiorentina e Verona è l'ennesima prova dominante degli azzurri, capaci di segnare cinque reti all'Udinese di Gotti che fa proprio della compattezza difensiva la sua arma migliore.

Nonostante non sia andato in gol, è risultato ancora una volta determinante Victor Osimhen, attesissimo in uno scenario con meno spazi rispetto alle ultime sfide. Il controllo a seguire, per poi chiamare Musso ad una bella uscita, ha portato al gol di Zielinski alla mezz'ora che ha rotto gli equilibri e costretto i friulani ad esporsi di più. Dopo il gol straordinario di Fabian, probabilmente il migliore in campo, la girata di Okaka su una delle pochissime azioni degli ospiti ha riaperto i giochi, ma solo numericamente non essendoci mai stata la sensazione di un contraccolpo da parte del Napoli. Dopo dieci minuti nella ripresa è stato Lozano, dopo una furiosa pressione alta, a chiudere i giochi, con le reti poi di Di Lorenzo ed Insigne (eguagliati i 18 gol siglati nel 2016) più che altro per arrotondare il risultato, migliorare ulteriormente la differenza reti e toccare i 100 gol siglati in stagione. Una giostra del gol straordinaria considerando che ha dovuto fare a meno di Osimhen e Mertens per mesi.