Napoli-Torino 3-1, le pagelle: Anguissa mostruoso, Kvara strappa, Meret e Kim volano

Le pagelle di Napoli-Torino 3-1
01.10.2022 17:06 di Antonio Gaito Twitter:    vedi letture
Napoli-Torino 3-1, le pagelle: Anguissa mostruoso, Kvara strappa, Meret e Kim volano
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Meret 7 - Un ottimo intervento ad inizio gara, poi sul gol non riesce a respingere pienamente, ma il pallone sbuca tra due uomini all'improvviso. Nella ripresa smanaccia un altro pallone insidioso e tutto sommato pulito anche in uscita e nella prima costruzione.

Di Lorenzo 6,5 - Sa anche soffrire in alcune fasi, poi si propone più che altro quando coinvolto dai compagni. Ha la forza a fine partita di strappare per l'intera metà campo offensiva e cercare il quarto gol sul palo lontano.

Rrahmani 7 - Un passaggio a vuoto a fine primo tempo, ma anche un'ottima chiusura che evita il 3-2 nel momento migliore del Torino. In alcuni frangenti rischia non poco ma ne esce quasi sempre vincitore.

Kim 7 - Premiato nel pre-partita come miglior giocatore di settembre, sfodera un'altra prestazione all'altezza del premio. Si allarga spesso per chiudere anche alle spalle del terzino e nel cuore dell'area domina con 5 duelli vinti, 7 spazzate, 4 tiri respinti ed una presenza rassicurante per tutti i compagni.

Mario Rui 7 - Sul gol preso fa quello che può, senza particolari colpe, ma è assoluto protagonista del primo gol, trovando lo scambio stretto che elude l'uomo su uomo di Juric e pennella il cross per il gol del vantaggio (dall'80' Olivera sv)

Anguissa 8 - Semplicemente devastante. Sovrasta tutti per il primo gol, si inserisce e viene premiato in occasione del raddoppio, accentradosi fino a trovare il gol. Al di là della doppietta, già pesantissima, vince tutti i duelli e spesso fa saltare l'uomo contro umo facendo partire l'azione dei suoi.

Lobotka 7- L'ordine è di schermarlo, tenerlo fuori dal gioco, con Vlasic e soprattutto Miranchuk che si alternano in questo lavoro, e finisce per giocare meno palloni del solito, ma con la solita intelligenza e precisione.

Zielinski 6,5 - Gioca di prima, anche quando è obiettivamente difficile, per evitare l'aggressione del Torino e aprire spazi tra le linee. Ottima l'intesa con Kvaratskhelia, sfiora il gol con un tiro respinto col corpo a portiere probabilmente battuto (dal 61' Ndombele 6 - Entra in una fase di alleggerimento, tiene botta e nel finale giocando di prima)

Politano 6,5 - Costringe spesso il bracccetto ad uscire e sa come far saltare la marcatura in quella zona. Si muove bene, sfiora anche il gol e poi esce per crampi, prevedibilmente dopo un solo allenamento in gruppo (dal 67' Lozano sv)

Raspadori 6,5 - Fa quello che Spalletti si attende: scambia con Mario Rui e dà il via al primo gol, crea lo spazio per far cavalcare Anguissa e poi si allarga rallentando il ritorno del difensore sul compagno che così può trovare il raddoppio. Soffre quando il Toro spinge e arrivano palloni lunghi, ma non è colpa sua (dal 61' Simeone 6 - Entra a risultato incanalato e dà man forte lottando sulle palle alte e rallentando l'azione del Torino con un pressing anche isolato di grande generosità)

Kvaratskhelia 7 - Partita non semplice, soffrendo spesso l'uomo sistematicamente a francobollarlo, ma in qualche modo riesce sempre a creare qualcosa di utile per la squadra. Trova il tris che stende definitivamente il Torino partendo dalla metà campo e mostrando anche le sue doti fisiche, progressione e protezione del pallone col corpo. Poi mostra anche altruismo accomodando il pallone per Zielinski per un tiro a botta sicura (dall'81' Elmas sv)