Bisogna toccare il fondo per potersi rialzare

03.07.2020 18:57 di Carmine Ubertone Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Bisogna toccare il fondo per potersi rialzare

(Di Carmine Ubertone) Nessuna maschera, piedi ben ancorati a terra e cominciare a respirare una nuova vita. E’ questo il caso di Hirving Lozano. Il messicano, anche nella gara persa con l’Atalanta, è entrato in campo con la voglia di spaccare il mondo, di far capire a tutti che il calciatore visto fino a poche settimane fa è il lontanissimo parente di quello ammirato col PSV. Dribbling ubriacanti, sterzate improvvise, ecco un calciatore rigenerato dopo il litigio con Gattuso avvenuto qualche settimana fa. Già nelle gare con Verona e Spal, il messicano aveva dato segnali molto incoraggianti e, a Bergamo, è arrivata l’ennesima ottima prova, tanto da essere eletto come migliore in campo dai quotidiani.

Tre indizi fanno una prova, Lozano sembra essere rinato. Con l’Atalanta, messo lì a sinistra nel 4-3-3, ha mostrato tanta tecnica e rabbia aggredendo spazi e avversari con la voglia di voler incidere sulle sorti del risultato. A volte si ha bisogno di una nuova possibilità perché in precedenza non si era abbastanza pronti. Se ne sono accorti anche i tifosi, dopo averlo etichettato come brocco, ora chiedono a gran voce una nuova chance per il messicano, che come l’Araba Fenice, sembra rinato dalle proprie ceneri.

Svanito il sogno quarto posto, il campionato del Napoli ha poco da dire, sarà una lunga preparazione in vista della sfida di Champions col Barcellona di agosto. Toccherà a Gattuso ritagliare uno spazio a Lozano in queste gare che restano per capirne anche il futuro. Quello che è sicuro è che il ‘Chucky’ ha un atteggiamento completamente diverso. Il litigio con il tecnico calabrese sembra aver toccato le giuste corde del messicano. Un nuovo corso da cui ripartire, d’altronde bisogna toccare il fondo per potersi rialzare.