Stoici! Napoli sontuoso nello spirito di squadra. Ora tocca alla Juve...

13.06.2020 23:28 di Francesco Molaro Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Stoici! Napoli sontuoso nello spirito di squadra. Ora tocca alla Juve...

Siamo in Finale. Giusto cosi ma quanta sofferenza. Una partita non bella ma efficace. Una partita che ricorderemo per i vari episodi e per delle situazioni scaturite da errori e grandi giocate. L’inizio è da brividi. Praticamente neanche un tiro e un gol dell’Inter che da calcio d’angolo passa in vantaggio. Ospina forse ingannato da da una leggerissima deviazione se la fa passare sotto le gambe. Il gol gela il Napoli che sembra arrivare sempre dopo i calciatori dell’Inter che sembrano correre con maggior vigore. Conte la mette sul fisico e per larghi tratti la conduce lui. Gattuso prova a dare coraggio alla squadra. Candreva sembra Bolt e sulla fascia fa soffrire Hysaj con due giocate che lo portano anche al tiro. Ospina si riscatta sia su Lukaku che su Candreva con due paratone che salvano il risultato. Il Napoli ci prova tanto con Politano, forse il migliore degli azzurri, con Young che andava anche espulso dopo un brutto fallo proprio sull’ex Inter. Il pareggio arriva quando meno te l.o aspetti. Tre tocchi, due passai e Mertens trova il gol. Grande Ospina che trova Insigne, Lorenzo fa tutto benissimo e con il terzo occhio trova Dries che segna e supera anche Hamsik come miglior marcatore di tutti i tempi. Il secondo tempo è sofferenza e controllo del match. L’Inter prova a spingere e con i cambi alza il baricentro, il Napoli è stremato ma stringe i denti. Gattuso getta nella mischia anche Fabian e lo spagnolo poteva anche essere subito pericoloso. I minuti passano e la sofferenza aumenta. Conte cambia le bocche di fuoco e mette paura alla difesa azzurra che giganteggia con Ospina e Maksimovic. I due fanno gli straordinari e salvano il Napoli che minuto dopo minuto tiene li gli avversari. Nel finale il Napoli regge e con tanta passione si conquista giustamente la sfida con la Juve di Roma. Ora bisogna recuperare le forze e inventarsi qualcosa per vincere una finale importante che vale una stagione.