Genoa-Napoli, preview e probabili formazioni: turnover ridotto, tornano i polacchi. Ballottaggi per laterali e mediani

E' una prova di maturità dopo le fatiche fisiche e mentali della sfida al PSG. Così Carlo Ancelotti ha alzato il livello d'attenzione della squadra alla vigilia della sfida al Genoa
10.11.2018 01:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 22670 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport
Genoa-Napoli, preview e probabili formazioni: turnover ridotto, tornano i polacchi. Ballottaggi per laterali e mediani

di Antonio Gaito - E' una prova di maturità dopo le fatiche fisiche e mentali della sfida al PSG. Così Carlo Ancelotti ha alzato il livello d'attenzione della squadra alla vigilia della sfida al Genoa, cruciale per restare in scia della Juventus prima della sosta e eventualmente sfruttare un passo falso nel big-match col Milan, ma al limite anche nei prossimi scontri diretti, considerando che invece il calendario degli azzurri continuerà a sorridere (manca solo il confronto con l'Inter del 26 dicembre). Ogni discorso però passa dalla sfida di Genova, tutt'altro che agevole: "Andiamo in uno stadio dove abbiamo brutti ricordi per l'ultima gara persa. Affrontiamo una squadra in difficoltà che sarà motivatissima ed un ambiente che la supporterà come sempre al 100% e solo la maturità ci può dare il 100% di concentrazione e motivazione", ha proseguito Ancelotti, consapevole che senza un'altra buona prova non è affatto scontata la vittoria contro una squadra ferita e che in casa è sempre capace di galvanizzarsi.

Nell'era ADL la tradizione è favorevole agli azzurri: Napoli imbattuto nelle ultime 12 gare col Genoa (nove vittorie e tre pareggi) ed in quattro delle ultime sei senza subire reti. L'ultima vittoria casalinga rossoblù risale al 2012 (3-2) e la squadra di Juric in questa fase non se la passa benissimo: solo due punti nelle ultime cinque partite di campionato ed il club non rimaneva senza vittoria per sei gare di fila da settembre 2017, proprio con Juric in panchina. Lo stesso allenatore, subentrato a Ballardini tra le polemiche, si vocifera sia già in discussione e del resto con lui la squadra è passata da 16 tiri di media a partita ad appena 9,5. A livello individuale Lorenzo Insigne affronta una delle tre squadre (le altre sono Milan e Torino) contro cui non ha mai perso (otto vittorie e tre pareggi)

LE ULTIME SUL NAPOLI - "Sei cambi? Sono troppi, qualcuno in meno", l'indizio di Ancelotti in conferenza apre ad un turnover ridotto per l'ultima gara prima della sosta, considerando anche che tanti hanno saltato la gara con l'Empoli e sarebbero 'solo' alla seconda di fila. Davanti ad Ospina linea con Albiol e Koulibaly con Mario Rui a sinistra e Hysaj a destra (a sinistra, lasciando il posto a Malcuit a destra, solo in caso di riposo per il portoghese). A centrocampo possibile conferma per Callejon e Fabian ai lati con al centro Allan e probabilmente Zielinski (da tenere in considerazione anche Hamsik o Diawara con il polacco a quel punto al posto di Fabian) ed in attacco Milik con Insigne. BALLOTTAGGI: Mario Rui-Malcuit 70%-30%, Milik-Mertens 80%-20%, Zielinski-Hamsik/Diawara 60%-40%, Ospina-Karnezis 80%-20%

LE ULTIME SUL GENOA - Oltre a Spolli e Favilli, Juric deve fare a meno di Sandro a centrocampo. Rientra Criscito nella linea a tre con Romero e Biraschi, a centrocampo Romulo, Bessa ed uno tra Hiljemark o Mazzitelli (più defilati Omeonga e Veloso che è ancora indietro di condizione) con Pereira e Lazovic sugli esterni. In attacco nessun dubbio sulla coppia Kouamé-Piatek, confermata da Juric in conferenza. 

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Zielinski, Fabian; Insigne, Milik. All. Ancelotti

GENOA (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Pereira, Romulo, Bessa, Hiljemark, Lazovic Kouamé, Piatek. All. Juric

ARBITRO: Abisso di Palermo (Tonolini-Liberti, IV: Di Paolo, VAR: Di Bello, AVAR: Tegoni)

Diretta Tv su DAZN e diretta radiofonica su Kiss Kiss Napoli/Italia e Radio Rai. Diretta testuale con ampio pre e post-partita su Tuttonapoli.net