L’equivoco tattico sul possibile primo colpo di mercato

L’equivoco tattico che lo ha riguardato, ha a che fare con l’eventuale posizione che andrebbe a ricoprire nel Napoli.
13.05.2021 22:10 di Francesco Carbone   Vedi letture
L’equivoco tattico sul possibile primo colpo di mercato
TuttoNapoli.net
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Mattia Zaccagni, da mesi in orbita Napoli e da molti considerato il primo acquisto in vista del prossimo anno, resta nel mirino della società azzurra. Il giocatore dell'Hellas, in questo campionato, è letteralmente esploso e si è attestato come una delle sorprese dell’intera Serie A. Ha trascinato il Verona a suon di assist, gol, rovesciate e grandi prestazioni, oltre che ad un forte senso di sacrificio in fase di non possesso. Poi, però, s'è fermato. Nel girone di ritorno ha avuto una flessione in termini di assist e gol, che coincide anche con le difficoltà riscontrate dalla propria squadra. In generale, pero’, il bilancio della sua stagione è senz’altro più che positivo.

L’EQUIVOCO TATTICO - L’equivoco tattico che lo ha riguardato, ha a che fare con l’eventuale posizione che andrebbe a ricoprire nel Napoli. A dispetto di quanto si è detto, ovvero che il suo acquisto andrebbe a rimpiazzare un’eventuale cessione di Fabian, c’è da chiarire un aspetto. “Può giocare in ogni ruolo del centrocampo e anche nel 4-2-3-1 anche se non nei 2 di centrocampo”, sono queste le parole di Fausto Pari, agente di Mattia Zaccagni. Lo spagnolo, infatti, e Zaccagni, ricoprono zone di campo profondamente diverse che fanno sì che l’uno non possa essere considerato il rimpiazzo ideale dell’altro. Zaccagni agisce da trequartista nel 3-4-2-1 di Juric e, quindi, nel Napoli troverebbe spazio come attaccante esterno nel 4-2-3-1 o alle spalle della prima punta.