Le pagelle della Lazio - Disastro Reina: l'ex portiere azzurro tra i peggiori

La redazione di Tuttomercatoweb ha dato i voti ai calciatori della Lazio dopo la sconfitta contro il Napoli. Tra i peggiori in campo, l'ex di turno, Pepe Reina
22.04.2021 23:42 di Francesco Carbone   Vedi letture
Le pagelle della Lazio - Disastro Reina: l'ex portiere azzurro tra i peggiori
TuttoNapoli.net
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

La redazione di Tuttomercatoweb ha dato i voti ai calciatori della Lazio dopo la sconfitta contro il Napoli. Tra i peggiori in campo, l'ex di turno, Pepe Reina. Ecco tutte le pagelle:

Reina 4.5 Non di primo pelo eppure prende gol sul primo palo. E se il gioco di parole forse può suonare orrendo, il piazzamento sul raddoppio di Politano non lo supera certo in bellezza. Spettatore talvolta colpevole sulle altre reti.

Marusic 5 Il giocatore più polivalente di casa Lazio è diventato de facto un primo della difesa di Inzaghi. Sul terzo gol del Napoli, però, dimostra lacune tattiche proprio nel ruolo quando gli azzurri lo puntano e rincula troppo.

Acerbi 5.5 Della difesa quello che quando prova a salire in cattedra ne fa aumentare lo spessore e il valore. Riesce nell'intento di ingabbiare Mertens, osserva meravigliato tutte le reti azzurre. Da leader, però, non riesce a tener le fila.

Radu 5 Quando Politano arriva di gran carriera dalle sue latitudini, son brividi. Non gioca un primo tempo di spessore, anzi: lo puntano e va in difficoltà.

Lazzari 5 La rapidità con cui si conquisterebbe il rigore, poi non valutato, nel primo tempo, è disarmante. Però rispetto al suo solito fatica nello sfrecciare rapido: Hysaj stasera è cliente duro.

Luis Alberto 4.5 Le condizioni fisiche son ballerine e lui, danzatore provetto, gioca sulle punte. Si vede: il Napoli gli fa diga davanti e lo costringe a una gara sulle uova, senza mai dare zampate. (dal 64' Pereira 6 Libera Immobile per la prima rete biancoceleste, per il resto s'intravede poco. Ma non poteva incidere più di così)

Leiva 4.5 Insigne lo punta e lo salta con disarmante semplicità. Partita da dimenticare, Zielinski lo circumnaviga senza grandi difficoltà. Non era in condizione e l'ha dimostrato a pieno. (dal 58' Cataldi 5 Non entra in partita, seppur la Lazio giochi d'orgoglio sotto di quattro reti. A centrocampo la stravince il Napoli)

Milinkovic-Savic 5.5 Karate Sergej, la gamba tesa su Manolas che provoca il rigore dell'uno a zero è ingenua quanto irruenta. Scontro tra pesi massimi con Bakayoko: vince l'ex Chelsea. Un solo squillo, inutile, col gol su punizione. (dall'85' Akpa Akpro sv)

Fares 5 Quanto Politano frena, incrocia, tira, e poi segna, lui è colpevole complice della rete subita: sbaglia la postura, sbaglia l'interdizione. Sbaglia tanto altro in questa partita. (dal 64' Lulic 5.5 Entra in campo, prende posizione, Zielinski va via di tacco, passa la palla a Mertens ed è 4-0. Quanto meno la Lazio aumenta i giri sulla sinistra col suo ingresso)

Correa 5 Prova qualche danza e serpentina ma è leggero e poco incisivo. L'intesa con Immobile c'è, Manolas e Koulibaly vivono semplicemente una serata dove lo sovrastano in tutto.

Immobile 6 Ci prova e s'incaponisce spesso provandoci. Salta l'uomo ma poi sbatte contro il raddoppio. Dribbla l'avversario ma trova un altro avversario. Una volta, viene smarcato davanti a Meret: rete straordinaria. (dall'86' Muriqi sv)

Farris 5 Si sgola pur non raggiungendo decibel inzaghiani. La Lazio si sfalda subito, poi prova a ricostruirsi ma crolla nuovamente: lunga, lenta, prevedibile. Sconfitta largamente e con merito, l'orgoglio nel finale non può bastare.